LA STRANA “RIQUALIFICAZIONE URBANA” A LECCE DEL SINDACO CARLO SALVEMINI E DEL SUO VICESINDACO ALESSANDRO DELLI NOCI: TAGLIATI QUARANTADUE ALBERI DI ALTO FUSTO. IL CONSIGLIERE COMUNALE DEL M5S ARTURO BAGLIVO VUOLE ANDARE FINO IN FONDO: “Adesso basta con gli abbattimenti ingiustificati”

| 7 luglio 2020 | 1 Comment

(Rdl)______Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Arturo Baglivo ha pubblicato pochi minuti fa sul suo diario Facebook la seguente denuncia, con relativa foto______

Condannato a morte con ordinanza dirigenziale nr.678

Abbiamo pochi alberi in città, questo cipresso, uno dei pochi maestosi del Salento, tra poco seguirà la sorte di alcuni sui simili e di eucaliptus, enormi e maestosi, che sono stati tagliati nei giorni scorsi su viale grassi.

Quale sia la loro colpa, possiamo intuirla: intralciano. Sono vicini ad un cantiere. Ho chiesto al settore ambiente e mi hanno detto che loro non hanno dato alcun nulla osta all’abbattimento, ma che probabilmente sono stati abbattuti preventivamente perchè, “forse”, durante i lavori si sarebbero potute danneggiare le radici rendendo quegli alberi pericolosi.

Peccato non sappiano quale sia lo sviluppo dell’apparato radicale degli Eucaliptus, che va talmente in profondità sino a trovare l’acqua; possono essere abbattuti solo da eventi naturali estremi.

Basta con gli abbattimenti ingiustificati. Il piazzale dello stadio desertificato e assolato grida vendetta; l’assenza di un piano del verde cittadino sbandierato e in fase di approvazione da anni contribuisce a ogni taglio a impoverire la superficie alberata cittadina, quella all’interno dei viali per capirci, perchè se guardiamo nel complesso delle statistiche Lecce, invece, avrebbe una alta concentrazione di alberi.. si ma fuori dalla città!

Sembra di combattere contro i mulini a vento, mi chiedo: possibile che fior fior di architetti (pare sia la professione più in voga a Lecce, in progetti bellissimi sulla carta che poi si traducono in debacle ) non siano in grado di disegnare un percorso che rispetti e si integri con gli alberi presenti?

E’ così difficile?

Questo lo chiederò pubblicamente al Sindaco il prossimo consiglio comunale._____-

(Rdl)______L’ordinanza cui fa riferimento il consigliere è del 20 giugno scorso, Settore Traffico, Mobilità e Viabilità, contiene appunto le disposizioni pratiche per l’abbattimento degli alberi di cui è incaricata la Lupiae Servizi, insomma l’azienda partecipata del Comune stesso.

Purtroppo non si tratta di un solo albero, che già sarebbe grave, bensì : “di lavori di taglio di n. 42 alberi lungo il tratto di viale Grassi compreso tra via San Cesario e via del Ninfeo”, che andranno avanti fino al prossimo 15 luglio.

Si fa riferimento inoltre al fatto

CHE con D.G.M. n. 760 del 14.11.2018 è stato approvato il progetto di riqualificazione della viabilità cittadina – viale Grassi dell’importo di € 256.000,00;


CHE con D.G.M n. 188 del 24.10.2019 è stata approvata la variazione al bilancio e sono stati appaltati i lavori di manutenzione stradale e dei marciapiedi di viale Grassi e via Carluccio.

Lavori che, a detta dell’amministrazione comunale – citiamo qui di seguito la dichiarazione del vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, Alessandro Delli Noci, di sei giorni fa – sarebbero per la sicurezza e il decoro dei cittadini: “Iniziamo i lavori di riqualificazione di una delle arterie della città più interessate dal traffico veicolare.

Si tratta dunque di un intervento finalizzato ad una maggiore sicurezza di chi la percorre in auto, in moto e dei pedoni, per la sicurezza dei quali rifaremo tutti i marciapiedi che appaiono notevolmente compromessi.

Quella di viale Grassi per via del progetto di ribaltamento della stazione ferroviaria, del Parco delle Cave di prossima apertura, rappresenta un’area fondamentale della città che, a breve, si trasformerà in una delle principali aree di accesso a Lecce e che dunque, anche per questa ragione, dobbiamo rendere decorosa e sicura”.

 

 

 

 

 

 

Category: Cronaca, Politica

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ufficio Stampa Comune di Lecce - tramite mail ha detto:

    A seguito delle segnalazioni giunte dai cittadini sul taglio di alberature di viale Grassi, si precisa che sono state rimosse dodici alberature al fine di avviare il cantiere per il rifacimento e la costruzione di marciapiedi nei tratti del Viale sprovvisti di protezione per i pedoni. Le operazioni di taglio si concluderanno con la rimozione di soli due eucaliptus secchi. Non sono previsti ulteriori espianti nel tratto di progetto compreso tra via Rizzo e Via Carluccio.

    La rimozione delle alberature, che ha interessato alcune piante che sorgono nel tratto tra Via Gino Rizzo e via San Cesario, è stata effettuata solo ed esclusivamente nei tratti per i quali sarebbe altrimenti impossibile procedere alla realizzazione dei marciapiedi e al raggiungimento per il viale di minimi standard di accessibilità a tutti gli utenti della strada, che oggi sono preclusi ai soggetti deboli (pedoni, in particolare anziani, genitori con passeggini, persone con disabilità motorie, etc). Gli alti cipressi presenti nell’area non saranno interessati dalla rimozione.

    A compensazione delle alberature rimosse si procederà alla piantumazione di nuovi alberi nell’area. L’amministrazione ha dato indirizzo al Settore Lavori Pubblici di convocare le associazioni che in questi giorni hanno fatto giungere proteste e suggerimenti sul progetto in questione, per giungere a soluzioni condivise che tengano insieme il diritto alla mobilità e alla sicurezza stradale per tutti con la salvaguardia delle quote di verde urbano nell’area che sarà interessata dai lavori.

    Nella stessa area interessata dai tagli delle ultime ore, è prevista la realizzazione di un’area verde con attrezzature sportive tra via Gino Rizzo e Viale Grassi, nell’ambito del progetto del comparto 35.

Lascia un commento