LA SECONDA VITA DI CASIMIRO, SALVATO DAL MACELLO

| 26 Agosto 2020 | 0 Comments

di Isabella Gubello______

Una bella storia di attenzione verso gli animali, a lieto fine e, soprattutto, di grande e positivo impatto sui tanti che l’hanno seguita in queste ultime ore.

Grazie a Romina Power, da sempre attenta alla salvaguardia del territorio salentino e, in generale, alle tematiche ambientali, che ci ha messo la faccia, grazie a tutti colori i quali l’hanno scritta.

Come diceva Mahatma Gandhi, “la civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali”.

Dal nostro piccolo ma privilegiato osservatorio di leccecroanaca.it possiamo testimoniare come in Italia l’attenzione e la sensibilità in tal senso stiano crescendo giorno dopo giorno, per fortuna.

E storie come questa aiutano tantissimo.

Casimiro (nella foto) è un toro di due anni e mezzo, 700 chilogrammi di peso, di razza Bruna Alpina. Era stato salvato a Natale dalla macellazione ancora vitellino, grazie a una colletta avviata dall’associazione Azzurro Ionio di Manduria, che aveva messo in vendita tagliandi del valore corrispondente a cento grammi di carne, per raccogliere i 1.000 euro necessari all’acquisto dell’animale, poi comprato dal presidente dell’associazione ambientalista, Francesco Di Lauro, stregato dal quel vitellino affettuoso scoperto in un allevamento.

In sette mesi, Casimiro è cresciuto, ospitato in un box dell’azienda zootecmica Santa Fara di San Pancrazio Salentino, dove però non può più stare: l’associazione che finora ha supportato le spese per il suo mantenimento ora non può farlo più, anche perché Casimiro, crescendo , ha occupato spazi necessari agli animali da reddito dell’azienda.

Così Romina Power, sensibile alle vicende di Casimiro, si è attivata e ha postato su Instragram una foto con la scritta “Toro Casimiro cerca casa” ed ha aggiunto: “cerco qualcuno che abbia uno spazio dove ospitare Casimiro. Le spese di viaggio a carico mio. Verrò io ad accertarmi che lui stia bene”.

All’appello hanno comunque già risposto tantissimi follower e in particolare quattro strutture che, con spazi agricoli adeguati a Casimiro, hanno offerto la loro disponibilità ad accoglierlo: una è in Veneto e tre sono in Puglia.

Forza Casimiro, molto presto troverai la casa che fa per te!

Molte persone hanno sposato la tua causa. Non resterai solo.

CASIMIRO: NO AL MACELLO!

 

 

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento