DUE OLIVE ALL’ASCOLANA, IL LECCE QUESTA VOLTA PASSA AL ‘DEL DUCA’ STORICAMENTE OSTICO E GUARDA AVANTI CON RINNOVATA FIDUCIA. SPOGLIATOI. MERCATO

| 4 ottobre 2020 | 0 Comments

di Mattia Ala______“Mi piace lo spirito, la voglia e l’applicazione che hanno i miei ragazzi, penso che a gruppo completo potremo solo crescere”.

Mister Corini (nella foto sotto) esplicita la propria soddisfazione, al termine di una gara che porta la prima vittoria, quindi tre punti – quattro in totale dopo la seconda giornata – e tanti motivi per guardare avanti con fiducia.

 

“Risultato importante, perché siamo arrivati in una situazione di emergenza, abbiamo recuperato Mancosu solo alla rifinitura, abbiamo perso Petriccione andato via in uscita nel mercato.. Lo spirito è stato quello giusto; ero sicuro che avremmo giocato una partita di livello, così è stato contro un Ascoli che ci ha comunque creato difficoltà nel primo tempo, anche se abbiamo avuto sempre il controllo della gara, abbiamo fatto gol, abbiamo rischiato di prendere gol, ma se vado a contare le occasioni a nostro favore l’unico rammarico è quello di non averla chiusa prima”.

Ma conta anche il fatto che per la seconda volta di fila il Lecce non ha preso gol: “La solidità della difesa è fondamentale ma soprattutto conta quello che riusciamo a creare, qualcosa abbiamo concesso ma è stato bravo Gabriel, è un portiere importante per la categoria. E poi Mancosu è un valore assoluto, è capitano, le sue qualità sono indiscutibili. E Henderson è un ragazzo a cui chiedo tanto, si sa inserire, più andrà in area più farà gol e sono contento che questi inserimenti abbiano già prodotto i due gol; sarà un calciatore che potrà darci tanto”.

 

Archiviamo dunque con la soddisfazione in casa giallorossa questo Ascoli-Lecce 0-2: Mancosu e Henderson piegano i marchigiani.

Prima trasferta e prima vittoria stagionale per il Lecce, che al Del Duca supera l’Ascoli, in un campo storicamente ostico.

I salentini, come confermato dalle indicazioni della vigilia, si schierano con  il 4-3-3, con Adjapong e Listkowski nel tridente offensivo a supporto di Coda. Capitan Mancosu, invece, viene impiegato da mezzala. Formazione speculare per i bianconeri di Bertotto, che manda in campo l’ex di giornata Chirico’. Vediamo come è andata la partita in sintesi:

1 Tempo: “Tanto fumo e poco arrosto”, è con questa espressione che possiamo descrivere la prima frazione di gioco dei giallorossi ,che con un possesso palla sterile e confuso non imbastiscono quasi mai un’azione in grado di impensierire Leali, anzi  regalano più volte la sfera in mano agli ascolani a causa di errori tecnici.

2 Tempo: Nella seconda frazione di gioco il Lecce passa a condurre al 53′ grazie a Mancosu, bravo ad infilare Leali su un delizioso cross di Listkowski. Al minuto 62′ ghiotta opportunità per i padroni di casa con Velios, ma Gabriel è superlativo in questo frangente.

Come si sa, a volte il calcio può essere davvero spietato, così dopo un gol non realizzato arriva la seconda marcatura degli uomini di Corini grazie allo scozzese Henderson.

Nei minuti finali non accade nulla, il risultato resta pertanto invariato. Dunque primi tre punti stagionali per il Lecce, che sale a quota quattro in classifica, mentre l’Ascoli resta inchiodato ad un punto.

Ora, dopo la sosta, i giallorossi sono attesi dal confronto col Brescia al Rigamonti, ex squadra del mister giallorosso,  altra  retrocessa candidata  a disputare un campionato nella parte sinistra della classifica.

 

Punto mercato

Ore frenetiche, con Pantaleo Corvino che si muove per completare l’organico giallorosso. I due calciatori finiti nei radar dei giallorossi, secondo le ultime indiscrezioni sono Portanova della Juventus e lo Bjorkengren del Falkenberg.

Per quest’ultimo, John Bjorkengren, 22 anni, svedese, centrocampista, è già tutto definito: è atteso in giornata in città per le visite mediche.

 

 

Category: Sport

Lascia un commento