ENNESIMO DPCM. PUGLIA DA GIALLA AD ARANCIONE

| 15 gennaio 2021 | 1 Comment

(Rdl)______Pochi minuti fa il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato un altro DPCM con aggiornamenti sul contrasto alla diffusione del Coronavirus. Il nuovo decreto vale da domenica 17 gennaio, a venerdì 5 marzo.

Contestualmente il ministero della Salute ha predisposto una nuova griglia differenziata per i territori regionali, che annulla e sostituisce la precedente.

Provincia di Bolzano, Lombardia e Sicilia tornano in zona rossa.

Nove Regioni passano in area arancione: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria e Valle D’Aosta. Restano in area arancione Calabria, Emilia-Romagna e Veneto.

Cinque restano in fascia gialla. Campania,  Sardegna, Basilicata, Toscana, Provincia Autonoma di Trento, Molise.

Nessun territorio in quella fascia bianca che è stata prevista solo teoricamente, senza restrizioni, se non distanziamento e uso della mascherina.

Tutte invece sempre alle prese con provvedimenti restrittivi, che diventano via via più stringenti, da zona gialla, arancione e rossa.

E quindi comunque: coprifuoco dalle 22 alle 5; scuole superiori in didattica a distanza al 50% da lunedì, salvo diverse disposizioni delle Regioni; divieto di spostamento tra le regioni, comprese quelle gialle;  visite consentite una sola volta al giorno ad un massimo di due persone (oltre ai minori di 14 anni conviventi) nella regione, se questa è in zona gialla, o nel comune se è in zona arancione o rossa; sarà possibile spostarsi nelle regioni arancioni dai comuni con una popolazione non superiore ai 5mila abitanti, per una distanza non superiore ai 30 km e mai verso i capoluoghi di provincia; divieto della vendita da asporto per i bar dalle 18; nelle giornate festive e prefestive sono chiusi i negozi all’interno di mercati, centri, gallerie e parchi commerciali, a eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie; rimangono chiusi gli impianti da sci; sempre chiusi cinema e teatri; i musei potranno riaprire, ma solo nelle zone gialle.______

LAPPROFONDIMENTO nei nostri due articoli di ieri

LO STATO DI EMERGENZA PROROGATO FINO AL 30 APRILE

 

GOVERNO: PROROGATE ANCHE LE RESTRIZIONI

 

Category: Cronaca, Politica

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. redazione ha detto:

    Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha emanato questa mattina una nuova ordinanza.______

    Con decorrenza dal 18 gennaio e sino a tutto il 23 gennaio 2021:
    1. L’attività didattica ed educativa per i servizi educativi per l’infanzia,
    per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione si deve
    svolgere in applicazione del D.P.C.M. 14 gennaio 2021, salvo quanto
    previsto al successivo punto 2;
    2. Le Istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione garantiscono
    comunque il collegamento online in modalità sincrona per tutti gli
    alunni le cui famiglie richiedano espressamente per i propri figli di
    adottare la didattica digitale integrata, tenendo presente che agli
    studenti che hanno chiesto la didattica digitale integrata, non può
    essere imposta la didattica in presenza. Tale scelta è esercitata una
    sola volta e per l’intero periodo di vigenza della presente ordinanza,
    salvo deroga rimessa alle valutazioni del Dirigente scolastico;
    3. Le Istituzioni Scolastiche secondarie di secondo grado, nonché i
    CPIA, adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attivit
    didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della
    Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che il 100 per cento delle
    attività sia svolta tramite il ricorso alla didattica digitale integrata.
    Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza
    qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una
    relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli
    alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto
    previsto dal decreto del Ministro dell’istruzione n. 89 del 7 agosto
    2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione n. 134 del 9 ottobre
    2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni
    della classe che sono in didattica digitale integrata;
    4. Le Istituzione Scolastiche devono comunicare, ogni lunedì della
    settimana, all’Ufficio Scolastico Regionale e al Dipartimento della
    Salute, attraverso la procedura predisposta sulla piattaforma
    http://www.regione.puglia.it Pagina 7
    http://www.studioinpuglia.regione.puglia.it, il numero degli studenti e il
    numero del personale scolastico positivi al covid-19 o in quarantena,
    nonché tutti i provvedimenti di sospensione dell’attività didattica
    adottati a causa dell’emergenza Covid.
    La presente Ordinanza è pubblicata sul BURP, nonché inserita nella Raccolta
    Ufficiale dei Decreti e delle Ordinanze del Presidente della Giunta Regionale;
    viene trasmessa, per gli adempimenti di legge, al Presidente del Consiglio dei
    ministri, al Ministro della Salute, al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, al Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, ai Prefetti delle province ed ai Sindaci dei comuni pugliesi.

    Avverso la presente Ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al
    Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla
    pubblicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il
    termine di giorni centoventi.
    Bari, addì 16 gennaio 2021

Lascia un commento

banner ad