NOVITA’ EDITORIALI / IL RITORNO IN GIOCO DI CAPODICASA

| 5 marzo 2021 | 1 Comment

di Raffaele Polo______

Il fatto che Giovanni Capodicasa (nella foto) sia tornato a scrivere, ci riempie di gioia.

Dopo anni di silenzio e di traversie esistenziali, ritroviamo il Gianni che ci piace. Quello, per intenderci, de ‘Il Delitto di Campi’ ma anche lo stesso ironico autore di ‘Sustie’ e ‘La firma’, testi da intenditori, che confermano la sua predisposizione innata per la narrativa. E, aggiungiamo, per la pittura: visti i suoi significativi ed interessanti esperimenti con i colori, testimoniati anche in questo recentissimo ‘Il conte in gioco’ (edizioni CDF, 125 pagine, 12 euro), nell’ultima di copertina.

 

Tanti gli avvenimenti che andrebbero sottolineati per scrivere e chiosare su Capodicasa: ricordi indelebili legati, ad esempio,  alla sua presenza organizzativa nella ‘Città del Libro’ di Campi Salentina ed ai suoi scritti in prosa e poesia che ne fanno, senza ombra di dubbio, una colonna portante della letteratura salentina.

Ora, ecco questo intrigante testo che l’autore così riassume, col suo tono velato di simpatica ironia: “Il libro tratta della ludopatia, sempre in forma ironica ma con innesti seri. Insomma la solita pillola addolcita. Il lungo silenzio è dovuto alla situazione di mia madre che accudisco personalmente. Per cui ho avuto poco tempo, ritagli, per elaborare lo scritto. La cosa che voglio sottolineare è proprio la dedica. Ho voluto farla ai miei amici del Liceo, coi quali ho spezzato e condiviso il pane dei tempi buoni. Tale amicizia, sempre viva, dura ancora dopo la bellezza di 50 anni (1971-2021). Sì, una rarità. Pensa che due di loro, che cito, mi hanno data non una ma due mani: Fernando Esposito per la parte grafica l’editing e l’impaginazione e Franco Greco che ha provveduto alla realizzazione come editore e sta avviando la distribuzione.”

Uno scrittore, un amico ritrovato.

E non è vero che, tra noi salentini, alligna soprattutto e solamente una litigiosità ed una invidia reciproca che rende i rapporti tra ‘intellettuali’ ricolmi di finzione e giudizi negativi.

Siamo sicuri che tutti, ma proprio tutti, sono felici di ritrovare, nell’agone letterario, un personaggio illustre come Gianni, Gianni Capodicasa, spolverato e rimesso a nuovo, che si rimette in gioco, proprio come fa il protagonista del suo ultimo romanzo.

Category: Cultura, Libri

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni Capodicasa ha detto:

    Grazie per la stima,Raffaele, ovviamente ricambiata. Il tuo articolo, come sempre saggio e ponderato, mi rende assai felice. E poi, come e’ tuo uso sostenere, il Signore sa…. quello che deve fare. Grazie.
    Con l’affetto di sempre.
    I
    Gianni.

Lascia un commento