NUOVA ORDINANZA, NELLA SCUOLA DI EMILIANO LA FREQUENZA CONTINUA AD ESSERE UN OPTIONAL

| 24 aprile 2021 | 0 Comments

di Alisia Mariano______

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha emanato l’ordinanza n. 121 del 2021 con la quale sono stabilite le regole per la scuola valide dal 26 aprile sino al termine dell’anno scolastico.

Il Presidente aveva già nei giorni precedenti annunciato l’intenzione di confermare la didattica a distanza a scelta per le famiglie, sottolineando: ”E’ un diritto costituzionale delle famiglie quello di proteggere la propria salute durante una pandemia, tutto ovviamente fatto con criterio e buon senso e senza mai dire che Dad è meglio di quella in presenza, ci mancherebbe”.

Sembra che la scelta della Regione sia proprio quella di non scegliere.

E ora le disposizioni sono ufficiali.

Al primo punto dell’ordinanza n. 121 del 2021 si legge:

“Con decorrenza dal 26 aprile 2021 e sino alla conclusione dell’anno scolastico 2020-2021, l’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado si svolge in applicazione dell’articolo 3 del decreto-legge 22 aprile 2021 n.52 (Disposizioni urgenti per le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado e per l’istruzione superiore). In applicazione della possibilità di deroga prevista nella seconda parte del comma 1 dell’articolo 3 del decreto-legge 22 aprile 2021 n.52, le istituzioni scolastiche della scuola primaria, della secondaria di primo grado, di secondo grado e CPIA devono garantire la didattica digitale integrata a tutti gli alunni le cui famiglie richiedano espressamente di adottarla, in luogo dell’attività in presenza…”.

Nel secondo punto del provvedimento viene ribadito che le istituzioni scolastiche devono comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio Scolastico Regionale e al Dipartimento della Salute, il numero degli studenti o del personale scolastico positivi al COVID 19 o in quarantena.

Mentre al terzo e ultimo punto si precisa:

“Le istituzioni scolastiche devono garantire, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, le adeguate condizioni utili a consentire una idonea erogazione e fruizione della didattica digitale integrata. Ogni conseguente adempimento, ove necessaria una implementazione tecnologica ai fini della suddetta idonea erogazione e fruizione della didattica digitale integrata, deve avvenire con l’urgenza del caso”.

 

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento