NARDO’ VA SOTTO PER UN FORTE TEMPORALE

| 6 Settembre 2021 | 0 Comments

(Rdl)______Alcuni temporali di forte intensità si sono abbattuti questo pomeriggio su diverse località del Salento, brevi quanto violenti, provocando lievi danni e disagi alla circolazione. Di particolare rilevanza quello caduto su Nardò, che ha accumulato fiumi d’acqua in molte strade, con auto semi-sommerse e allagamenti in negozi, box e scantinati (nelle foto).

Niente di tutto questo a Lecce città, dove il cielo si è rannuvolato a tratti, ma senza precipitazioni.

 

Estratto dal post su Faebook di Elisabetta Polo:

«…Mi sono trovata a varcare l’ingresso di Nardó venendo da Lecce e l’acqua arrivava agli sportelli, le strade erano fiumi, bidoni ed altro che veniva trasportato dalla corrente, tombini chiusi, auto in panne, il mio unico pensiero era riuscire ad attraversare il paese per prendere mia figlia a scuola e tornare a casa.. ho impiegato più di un’ora.. dovendo in continuazione cambiare strada perché o chiuse, o con auto che essendo rimaste in panne ostruivano il passaggio, o completamente allagate o con incidenti..
Chiedo scusa per non aver potuto aiutare o salvare nessuno degli automobilisti intrappolato nella propria auto, per aver bagnato- pur andando a 10 km orari- persone che cercavano di non fare entrare acqua nelle proprie case
Ho avuto paura!»

 

Estratto dal post  su Facebook di Lorenzo Siciliano:

«Strade di Nardò chiuse al traffico dai cittadini, livello d’acqua oltre i trenta centimetri in decine di strade del centro urbano, tombini anciora chiusi e intasati, auto in panne quasi sommerse, intere famiglie che da oltre un’ora sono in strada con stivali, scope e oggetti di fortuna per tentare di far defluire l’acqua e svuotare garage, magazzini e negozi ormai allagati.
Protezione Civile ormai inesistente da tre anni e vigili urbani non in grado numericamente di gestire emergenze simili.
Siamo nella Città dove ci si presta milioni di euro per realizzare piste ciclabili morte e non si programmano interventi di manutenzione ordinaria delle condotte di fogna bianca, non si combatte il sempre più serio rischio idrogeologico e si lasciano abbandonate a se stesse migliaia di persone. Tutto ciò accade per una pioggia torrenziale durata un’ora e già preannunciata da due giorni».

Category: Cronaca

Lascia un commento