SOSTENIBILITA’ E IMPEGNO CIVILE: LA PUGLIA IN VETTA ALLE CLASSIFICHE GREEN

| 10 Novembre 2021 | 0 Comments

Attualmente fra i temi più discussi si trova la sostenibilità ambientale, un fattore oggi cruciale, per consentire alle future generazioni di vivere in un pianeta sano e abitabile. Purtroppo, le conseguenze di decenni di incurie si stanno facendo sentire, come nel caso del cambiamento climatico. L’Italia però sta cercando in tutti i modi di uniformarsi alle scadenze imposte dall’UE, e con un discreto successo, per merito di alcune regioni virtuose come la Puglia, in vetta alle classifiche green.

 

La Puglia e la sostenibilità ambientale

 

La Puglia conferma il suo primo posto nella classifica delle città della Penisola, come produttrice di energia elettrica, mentre arriva seconda se si considera la sostenibilità economica. Sono queste le considerazioni che emergono dalle ricerche ufficiali di settore, secondo le quali la regione è diventata la regina del fotovoltaico in Italia, con il maggior numero di installazioni di taglia ampia e con il record della potenza installata e dell’energia prodotta. Per quel che riguarda la sostenibilità economica, la Puglia è seconda nel Meridione ma ancora lontana dalle vette della classifica nazionale.

 

In quest’ottica di sostenibilità e di attenzione nei riguardi dell’ambiente, anche i cittadini possono e devono dare il loro contributo. Nel concreto si tratta di piccole azioni che possono fare la differenza come smettere di usare piatti di plastica o di altri materiali monouso, dunque non riutilizzabili o riciclabili. Un altro modo in cui si può contribuire a ridurre il proprio impatto sull’ambiente è scegliere un fornitore di energia elettrica che, come nel caso di Acea, metta a disposizione energia 100% green e proveniente da fonti rinnovabili, come il fotovoltaico appena citato. Ancora in quest’ottica occorre anche saper investire correttamente anche negli elettrodomestici. Sono consigliabili, infatti, quelli di classe A+ così da ridurre i consumi domestici e l’impatto ambientale.

 

Il reddito energetico in Puglia e il contributo

 

Parlando di sostenibilità non si può non parlare del Reddito energetico approvato in Puglia e presto anche nelle altre regioni. Le case e i condomini green potranno usufruire di un contributo regionale a fondo perduto, che potrà essere speso per l’installazione di impianti sostenibili, basati dunque sulla produzione di energia da fonti rinnovabili. Se si parla delle utenze singole, il contributo in questione non potrà superare un tetto massimo pari a 6 mila euro, mentre per i condomini la quota massima sale fino a 8.500 euro, a patto di installare anche un sistema di accumulo energetico. In secondo luogo, è importante sottolineare quali tipologie di impianti rientrano all’interno del bonus per il reddito energetico: ne fanno parte gli impianti fotovoltaici e i micro-eolici, insieme ai termo fotovoltaici.

 

L’assegnazione del contributo favorirà in primo luogo le famiglie in difficoltà economiche, dunque i nuclei familiari con un ISEE basso, e la concessione avverrà tramite un bando pubblico. Fra le richieste per poter aderire al reddito energetico si trova anche l’obbligo di sottoscrivere una convenzione con il GSE. Altri soggetti che avranno la precedenza saranno gli anziani e le persone con forme di invalidità. Ad ogni modo, per avere una piena prospettiva sul funzionamento del bonus e sui limiti di contributo conviene sempre studiare i documenti ufficiali.

 

Category: Costume e società

Lascia un commento