LA STORIA / UNA CENA SENZA BARRIERE MENTALI

| 30 Novembre 2021 | 0 Comments

di Flora Fina  ______

“Una lezione di vita pura ed energica che  deve far riflettere sull’idea vera di integrazione”, dice Maurizio Zecca, del il birrificio artigianale Birrasalento di Leverano. E poi aggiunge, arrivando al cuore di tutti noi: “Non sono le disabilità fisiche, non è un cromosoma in più o in meno o una sedia a rotelle a definire il limite, a creare barriere, a declinare i contenuti dell’aggettivo ‘impossibile’. Basta aprire gli occhi del cuore all’altro, ricordare che il Noi è la base di ogni vittoria del singolo, per arrivare alle radici più profonde della vita. Aprire le porte di Birrasalento a questi ragazzi, grazie ad una iniziativa nata e portata avanti come corale e condivisa con le associazioni, è un’opportunità ed un grande dono, per ognuno di noi”.

 

Venerdì 3 dicembre, in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con Disabilità, il birrificio artigianale Birrasalento di Leverano, aprirà le sue porte ad una Beer Experience letteralmente fuori da ogni limite. Il percorso conoscitivo e gastronomico, sarà interamente guidato e curato dai ragazzi delle associazioni L’Integrazione e Outlet dei Ragazzi Speciali.

 

Si tratta di un progetto di fondamentale importanza: essere attivi è la prima destinazione dell’uomo, e questi giovani volenterosi lo dimostreranno accogliendo i visitatori, e portandoli alla scoperta del birrificio con un tour emozionante e ricco di innumerevoli spunti.

Sarà ripercorsa la storia della produzione di birra, dalle origini al presente, da quelle che sono le materie prime sino agli importanti processi di produzione che ne sono alla base.

Inoltre, non saranno le disabilità fisiche a fermare questi giovani. Subito dopo il percorso illustrativo, sarà loro cura preparare una strepitosa cena, spillare le birre artigianali, servire ai tavoli e terminare infine la serata in bellezza, con spettacoli di  musica e non solo.

 

 

La presidente della cooperativa L’Integrazione Veronica Calamo sottolinea un altro aspetto fondamentale di questo evento:  “Ci offre lo spunto per una riflessione più ad ampio spettro su come formare personale qualificato e arrivare a un inserimento lavorativo stabile, come peraltro previsto dalla legge 68/99 sulle ‘norme per il diritto al lavoro dei disabili’, totalmente ignorata purtroppo in Italia.

Siamo convinti che, grazie alla collaborazione e l’unità d’intenti, saremo in grado di sollecitare e promuovere più azioni mirate affinché il processo di integrazione delle persone con disabilità nel mondo del lavoro non resti solo lettera morta o nobile proposito dei nostri legislatori”.

 

Parole importanti queste, che potrebbero essere riassunte con la formula ‘la fiducia in sé stesso è il primo segreto del successo’.

Si tratta inoltre della prima collaborazione da parte di Outlet dei Ragazzi Speciali, come spiega la responsabile Sabrina Zecca: “Siamo certi che grazie a questo evento i ragazzi avranno modo di confrontarsi con la realtà esterna e, in un clima di serenità, riusciranno a far emergere le loro abilità e prendere consapevolezza dei loro limiti, senza mai sentirsi ‘diversi’. Vorremmo smuovere un po’ le coscienze di chi, ad oggi, sembra solo sentire e non ascoltare”.

 

Durante la serata, non mancheranno poi le testimonianze di vita di alcuni ragazzi presenti, tra cui quella di Matteo Perrone, di Leverano, che racconterà la sua esperienza riportata in “Vivere e Sorridere”- la mia sindrome di Wolfram – libro  che racconta la scoperta e la convivenza con una malattia rarissima che non gli ha tolto la gioia di vivere.

 

Il tour avrà inizio alle 18.30, la cena alle 20. È necessario prenotarsi visitando la pagina https://www.birrasalento.it/visite-guidate e completare il form del 3 dicembre.

Il ricavato della serata sarà devoluto alle due associazioni, per dare ai ragazzi la possibilità di accedere ad altre esperienze utili a superamento dei propri limiti.

 

 

 

Category: Cronaca, Cultura, Eventi

Lascia un commento