IL DESTINO DI JULIAN ASSANGE APPESO A UN FILO, IL PARTITO COMUNISTA CHIAMA ALLA MOBILITAZIONE

| 13 gennaio 2022 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Il presidente Antonino Mosaico, e il segretario regionale Roberto Cardilli del Partito Comunista – Puglia ci mandano il seguente comunicato______

“Quella tra Assange, che rischia fino a 175 anni di carcere e il governo USA, non è solo una battaglia personale.
A 48 anni (oggi), Assange è di fatto diventato un simbolo mondiale della libertà di stampa.
Wikileaks infatti, era nata con l’intento di rivelare corruzione e soprusi del potere, attraverso la pubblicazione di documenti segreti, come quelli sulle guerre americane e i crimini avvenuti in Iraq, Afghanistan e a Guantanamo.

Ora gli occhi del mondo sono puntati su Londra, dove tra meno di due giorni sarà resa nota la sentenza finale che deciderà il destino di Julian Assange.
Il verdetto verrà emesso alle 10,30 presso il Tribunale Penale Centrale (Old Bailey) e da esse potrebbe derivare l’estradizione di Julian verso gli Stati Uniti.

Numerose sono le petizioni per far riottenere ad Assange la sua libertà, con decine di migliaia di firme da tutto il mondo.
Questa è la battaglia di chiunque sia a favore della trasparenza e della libertà di stampa!
Contro i colossi imperialisti, finanziari, della guerra e di un sistema arrivato al collasso, il Partito Comunista ribadisce la sua posizione.
ASSANGE LIBERO!
Per questo abbiamo organizzato un sit-in per sabato 15 gennaio a Bari in piazza Umberto I ore 17:30.
L’invito è aperto a tutti i cittadini e le sottoscrizioni dei pugliesi a questa causa ci dicono, con una grande varietà di mestieri ed età, che questa battaglia deve essere di tutti”
(optional, elenco di alcuni dei firmatari appello:
Carlo Formenti – politologo.
Tonino Mosaico – presidente Regione Puglia del Partito Comunista.
Antonio Palmisano – antropologo, università del Salento.
Isabella Apruzzi – insegnante – pensionata, Ostuni (BR).
Liliana Cavallo – maestra, Carovigno (BR).
Campanile Michele – professore in pensione di storia e filosofia Monte Sant’Angelo (FG).
Federica Cavallero – medico, Racale (LE).
Giuseppe Casarola – operaio, Francavilla Fontana (BR).
Giovanni Casella – medico, Taranto.
Tonino Chirico – ferroviere in pensione, San Michele Salentino (BR).
Colucci Davide – Avvocato, Lucera (FG).
Carlo Cotilli – enologo, Bari.
Massimiliano Desiante – docente, Gravina in Puglia (BA).
Andrea D’Elia – lavoratore dipendente, Gallipoli (LE).
Pasquale De Marzo – libero professionista, Bari.
Vito Falcone – pensionato ILVA, Gioia del Colle (BA).
Savino Ficco – docente precario, Manfredonia (LE).
Ivano Gioffreda – contadino, Sannicola (LE).
Angela Iudici – docente in pensione, Lecce.
Giuseppe Lagna, insegnante-Collepasso (LE).
Rosa Margiotta – impiegata, Brindisi.
Francesco Pistillo – Agronomo, San Severo (FG).
Luciana Ranaldo – docente, Ginosa (TA).
Lucrezia Russo – dipendente pubblico, Lecce.
Nunzia Valerio – commerciante, Conversano (BA).
Antonio Vecera – operaio, Rodi Garganico (FG).
Paolo Vinella – insegnante in pensione, Putignano (BA)
Miria Brunetti- docente Storia e Filosofia- Gioia del Colle (BA)
Roberto Dentico – dottore in Storia – Gioia del Colle (BA)
Michele Panutsos- magazziniere cassintegrati, Bari
Anna Simeone – infermiera Pediatrica e Naturopata , Carovigno (BR)
Giacomo Caliolo – musicista, Carovigno (BR)
Giorgio Giuseppe Bavaro- studente, Andria.
Gennaro Di Ceglie – Libero professionista Fasano (BR)
Andrea De Pinto (Zio Pino)- artista, Molfetta (BA)
Fabio Tralci – operaio FS, Noci (BA)
Luca Curci- -impiegato AQP e sindacalista USB, Noci (BA) )

Category: Cronaca, Politica, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento