LA NATURA, PATRIMONIO DI TUTTI. REPORTAGE DI leccecronaca.it DAL CORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE A LEVERANO

| 15 maggio 2022 | 0 Comments

ORGANIZZATO DAL CIRCOLO TANDEM. I RELATORI, LE FOTO, I COMMENTI DELLA TERZA SERATA

 

di Carmen Leo______ “L’idea di offrire alla cittadinanza di Leverano, e non solo,  questi incontri formativi sulla conoscenza delle molteplici problematiche  legate al degrado ambientale, è frutto di una serie di considerazioni amare sul delicato tema, che tanto ci sta a cuore.

Nonostante il preoccupante evolversi della situazione, ai diversi livelli, da quello del cambiamento climatico all’inquinamento biologico e chimico delle matrici fondamentali, quali acqua, terreno e aria, la reazione dell’Umanità è ancora troppo flebile.

Le considerazione più immediata può essere che l’uomo sia divenuto talmente egoista, fino a rasentare la stupidità, da porsi nella condizione di voler tagliare il ramo su cui egli stesso è seduto.

Alla base di tutto c’è sicuramente un enorme gap in materia di cultura ambientale. Da qui la creazione di questo Corso, che nei diversi incontri, intrisi di una logica di propedeuticità, dovrebbe aiutare chi è interessato a partecipare, a comprendere l’ABC dell’Ecologia, che non è assolutamente una materia facile”.

Così Walter Tramacere ( nella foto sotto), di Leverano, biologo e scrittore, a lecceronaca.it ha spiegato le motivazioni che hanno indotto l’Associazione Culturale Circolo Tandem, che ha sede nel suo comune di nascita, e di cui è presidente,  ad organizzare questi eventi informativi e formativi, dei quali egli è anche moderatore, sul delicato e tanto controverso tema ambientale.

 

 

Ieri sera, sabato 14 maggio, si è tenuto, infatti, presso gli ambienti accoglienti e molto ben organizzati della Biblioteca di Comunità di Leverano, il terzo dei quattro appuntamenti previsti del Corso di Educazione Ambientale, promosso dalla su citata Associazione, al quale hanno partecipato diversi esperti della materia.

 

 

Ad aprire la convention è stato Roberto Ingrosso ( nella foto sopra), di Lecce, laureato in scienze ambientali,  specializzato in Meteorologia e Climatologia,  attualmente in servizio presso l’Università del Quebec, a Montreal, intervenuto, appunto, in diretta streaming dal Canada, per illustrare, anche attraverso la condivisione di alcune slide molto chiare, significative ed esplicative, i  preoccupanti e continui cambiamenti climatici attualmente in atto sul Pianeta.

 

Il secondo intervento quello di Lorenzo Mattia (nella foto in basso) in streaming dalla sua città, Vimercate, in provincia di Monza, giovanissimo perito chimico ambientale,  impegnato attivista di Friday for Future, il movimento che si batte con veemenza per la causa ambientale, fondato nel 2018 dalla ora diciannovenne svedese Greta Thunberg, divenuta nota per le sue manifestazioni regolari tenute davanti al Riksdag, il parlamento nazionale del Regno di Svezia,  a Stoccolma, con lo slogan Skolstrejk för klimatet (Sciopero scolastico per il clima -ndr), poi in tutto il mondo.

Mattia ha riferito in merito alla crisi climatica mondiale, dal punto di vista della sua generazione, fortemente animata dalla lotta per la causa ambientale.

 

 

“Sono più di quaranta anni che combatto per questi temi, e non mi sono mai arreso. Mi occupo di idrogeno dall’estate 1980.  Ora tocca a voi, alle nuove generazioni, il compito di fermare il surriscaldamento del Pianeta, a voi di rimettere le cose a posto. Io sto facendo la mia parte. Sfruttare le potenzialità dell’idrogeno come combustibile pulito e sostenibile, facendo della Puglia il laboratorio di un nuovo modello energetico a zero emissioni, con Taranto città simbolo per l’alta presenza di fossili e con Accadia (Fg) come sede del primo villaggio ad idrogeno in Europa, è una politica da attuare con tutti gli sforzi possibili. 

In tutti i paesi tecnologicamente avanzati l’idrogeno viene già da tempo utilizzato come energia alternativa, solo l’Italia è ancora paurosamente indietro con la ricerca e l’utilizzo di questa naturale e innovativa fonte di energia alternativa”.

Queste sono state, invece, in sintesi le parole del professor Nicola Conenna ( sotto nella foto ) di Mola di Bari, fisico, scrittore di numerosi saggi scientifici,  presidente della Fondazione H2U-The Hydrogen University e della giovane associazione GREEN HYDROGEN COMMUNITY NETWORK, membro del comitato scientifico di Alboran Hydrogen, nonchè autore del libro Idrogeno, il nuovo oro –  che ha promosso proprio ieri in questo contesto.

 

Forse non a tutti è noto che il professor Conenna ha presentato, il 31 gennaio 2019 al Senato, la proposta di legge di iniziativa popolare sulla Transizione energetica per l’Italia, poi depositata in Corte di Cassazione.

Molto appassionato e analitico l’inciso dello scienziato, sulle enormi potenzialità che l’idrogeno offre quale fonte di energia innovativa e pulita, con dolenti note di pungente sarcasmo sulla staticità tutta italiana nella ricerca in tale direzione.

Tra gli intervenuti anche Lorenzo Errico, di Leverano,  manager dell’azienda Erricoenginerring, che ha avuto la genialità di  creare “motori virtuosi” nel suo sito produttivo a Vasto.

 

L’attore Ulderico Pesce,  ha raccontato in diretta online proprio dalla sua terra lucana,  la triste storia di una Basilicata martoriata dalle trivellazioni petrolifere, vicenda diventata uno spettacolo teatrale, che lo stesso sta portando in tournée per l’Italia, per spronare le istituzioni e la gente comune a reagire e adottare le misure e politiche più idonee a debellare ciò che continua ad accadere nel silenzio colpevole di tanti.

 

“La scuola è quell’Istituzione deputata all’istruzione e Formazione dell’individuo, che deve dare una  forte spinta alla sensibilizzazione verso un maggiore rispetto dell’ambiente circostante, e deve collaborare strettamente in tal senso in sinergia con la famiglia e la società.

Noi siamo immersi nella Natura e non possiamo ignorare il grido di dolore che da Essa proviene, e si fa ogni giorno più urlante e disperato.

Siamo Noi la Natura, stiamo dunque inquinando, devastando e uccidendo progressivamente noi stessi.

Il filo conduttore delle attività didattiche di questo anno scolastico nel mio istituto è proprio la ecosostenibilità, per il fine primario di insegnare ai bambini, sin dalla tenera età, a relazionarsi in maniera corretta e rispettosa con l’ambiente circostante, con quello che è  il loro habitat del presente e lo sarà indubbiamente per le  future generazioni”.

Termina così, con questa intervista a Chiara Genna (nella foto sotto), di Leverano,  docente di scuola dell’infanzia, che è stata moderatrice dell’evento insieme con Tramacere, e fa parte anch’ella del direttivo del Circolo Tandem, il reportage di questo terzo e interessante incontro del Corso di Ecologia, di cui sabato prossimo 21 maggio – alle ore 18.30 – si terrà il quarto e ultimo  appuntamento.

 

 

Leccecronaca.it è fortemente sensibile alle problematiche ambientali, sostenendo efficacemente, dal punto di vista giornalistico, enti, associazioni e privati che si adoperano con ogni mezzo nelle battaglie in tal senso.

Lo dimostrano i numerosi articoli pubblicati dalla nostra testata, poi le vere e proprie battaglie giornalistiche, intraprese da anni per sensibilizzare fino allo sfinimento i cittadini  a comprendere che l’Uomo e l’Ambiente devono realizzare una simbiosi primordiale, che li conduca a vivere nel totale rispetto reciproco.

Questo, utilizzando in maniera sostenibile le risorse naturali, che purtroppo è risaputo non siano inesauribili, imprimendo una determinante efficacia al concetto di sostenibilità futura, la quale si basa sul concetto fondamentale che l’Adamo ed Eva del presente di un Pianeta sovraffollato, possano “sfruttare” in maniera consapevole le fonti di sostentamento che la Natura mette a loro disposizione, derivanti da acqua, aria e suolo, senza comprometterne in alcun modo, o perlomeno con il minor impatto possibile, sia ambientale sia economico , l’utilizzo per le future generazioni.

 

_____

 

LA RICERCA nei nostri articoli del 2 e 8 maggio scorsi

 

SI E’ TENUTO IL PRIMO APPUNTAMENTO CON IL CORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE A LEVERANO. IN SINTESI GIORNALISTICA, IL RESOCONTO DELLA SERATA

 

 

SI E’ TENUTO IL SECONDO APPUNTAMENTO CON IL CORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE A LEVERANO. IN SINTESI GIORNALISTICA, IL RESOCONTO DELLA SERATA

 

 

 

Category: Costume e società, Cronaca, Cultura, Eventi

Lascia un commento