LE FIABE, IL TEMA DELLA MOSTRA COLLETTIVA A PALAZZO RISOLO DI SPECCHIA DA SABATO 23

| 20 Luglio 2022 | 0 Comments

di Raffaele Polo ______ 

Le fiabe aiutano a ricordare, a rivivere, a esplorare il mondo, a classificare persone, destini, avvenimenti. Aiutano a costruire le strutture dell’immaginazione, che sono le stesse del pensiero. A stabilire il confine tra le cose vere e le cose inventate. Insomma, se le fiabe non esistessero bisognerebbe inventarle” – è la frase di Gianni Rodari usata per presentare questa mostra. E infatti le favole aiutano a crescere, a comprendere il mondo che ci circonda a scoprire e ad evitare i pericoli che sono interpretati dagli antagonisti, immancabili in ogni storia che si rispetti. Salvo poi scoprire che i personaggi cattivi altro non sono che una proiezione esterna di una parte di noi stessi, la parte nascosta e rimossa del protagonista, come  afferma Vladimir Propp, dando una lettura psicanalitica alle favole. E ciò non fa altro che sottolineare l’importanza delle favole nello sviluppo dell’essere umano; esse parlano di noi e con il loro valore terapeutico ci aiutano ad affrontare i lati oscuri, invitandoci al cambiamento.

E proprio a ‘Le favole’ è dedicata la collettiva d’arte d’arte contemporanea “Le Fil Rouge”, ideata e promossa dall’associazione culturale Nenè, patrocinata dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Lecce e dal Comune di Specchia. Il vernissage si tiene sabato 23 luglio 2022 alle ore 20.30. L’esposizione sarà visibile fino al 7 agosto 2022 dalle ore 20 alle 24.

La mostra, che viene allestita come ogni anno a Palazzo Risolo (nella foto), nella piazza principale del Comune di Specchia, vede la partecipazione di 44 artisti di livello nazionale chiamati ad interpretare il tema di questa edizione. Particolarità della collettiva, unica nel suo genere nel sud Italia, è proprio la presenza di artisti contemporanei che si esprimono su un  tema.

Sarà una collettiva molto varia: gli artisti interpretano il buono e il cattivo di ogni favola in base alla loro aspirazione, da Pinocchio ad Alice nel paese delle meraviglie, dal Brutto anatroccolo, alla Sirenetta, a Biancaneve, alla Cicala e la Formica… Alcuni hanno inventato le proprie favole, perchè ognuno di loro è stato libero di lavorare creando opere di qualsiasi dimensione e tecnica artistica: ci sono tele in acrilico, ad olio, sculture, fotografie e digital painting.

Agli artisti non è stata data nessuna regola proprio per garantire la libera espressione e soprattutto per offrire al pubblico uno spettro quanto più ampio e vario delle tecniche e dei modi espressivi dell’arte contemporanea.

Questa collettiva d’arte pittorica contemporanea, arrivata alla sesta edizione, deve il suo nome (Le fil Rouge) alla leggenda diffusa in Giappone su un filo rosso ai mignoli di due persone, anime gemelle, unite dalla nascita da un legame che non si romperà mai. Ed è quello che tiene vicina Viviana Cazzato, artista di Presicce e curatrice della mostra, presidente dell’associazione Nenè, al ricordo di sua madre e alla promessa di continuare ad impegnarsi nell’arte. Il filo indica anche il rapporto che si è creato con gli artisti e che dura ancora oggi, basato su stima, fiducia e rispetto.

Gli artisti che prendono parte nell’edizione 2022 sono: Marco Abaout, Ajnos, Beatrice Alegiani, Michele Angelillo, Carminè Antonucci, Marta Bianchi, Edoardo Boccanfuso, Valeria Bovo, Antonella Casazza, Loredana Catania, Viviana Cazzato, Elena Cermaria, Veronica Chessa, Elisa Corey, Laura Corre, Lorenzo Di Pinto, Maria Ditaranto, Dom.S, Silvia Faieta, Adriana Farina, Pamela Invernizzi, Jasmind & Smisi.psd, Debora Malis, MaMo, Susy Manzo, Ottavio Marino, Elisabetta Martignetti, Andrea Mattiello, Neirus, Marta Padovani, Giada Palange, Daria Palotti, Valentina Porcelli, Sam Punzina, Valeria Puzzovio, Angela Regina, Rufus Art, Concetta Russo, Tiziana Salvi, Vania Elettra Tam, Stella Tasca, Daisy Triolo, Amalia Tucci, Luisa Valenzano.

Per informazioni: 347 256 8667

Category: Cultura, Eventi

Lascia un commento