CASA LECCE / PRESENTATO JOEL VOELKERLING PERSSON, E PANTALEO CORVINO HA FATTO IL PUNTO SUL MERCATO. INTANTO QUESTA MATTINA A CUTROFIANO DI FRANCESCO E SAMEK HANNO EFFETTUATO LE VISITE MEDICHE, MENTRE MAJER SALUTA: LO SLOVENO E’ DELLA REGGINA

| 1 Agosto 2022 | 0 Comments

di Mattia Ala ______

Questa mattina il Responsabile dell’Area Tecnica del Lecce Pantaleo Corvino e il direttore sportivo Stefano Trinchera hanno presentato al Via del Mare un altro dei nuovi volti di questa sessione estiva di calciomercato: il giovane attaccante svedese Joel Voelkerling Persson, prelevato dalla Roma.

La scorsa stagione, il classe 2003 ha realizzato ben 12 gol in 26 presenze con la Primavera dei capitolini, allenata da Alberto De Rossi, padre dell’ex calciatore Daniele, nel campionato Primavera 1, ed ora è pronto al salto nei professionisti.

Inoltre, i due dirigenti giallorossi, a due settimane dall’esordio in campionato, hanno fatto il punto sulle altre trattative portare avanti dal club di Via Colonnello Costadura.

Fari puntati sul reparto arretrato, nel quale occorreranno almeno due rinforzi di spessore per affrontare al meglio la Serie A.

Di seguito la conferenza stampa completa:

PANTALEO CORVINO (responsabile dell’Area Tecnica del Lecce, nella foto): “Questa mattina vi presentiamo il terzo attaccante centrale, Joel Persson Voelkerling, classe 2003 di nazionalità svedese. E’ un centravanti puro dotato di grande fisicità, nonostante questo, però, sa aggredire gli spazi muovendosi su tutto il fronte d’attacco. La scorsa stagione ha realizzato con la Primavera della Roma ben 12 gol in 26 presenze. Lo abbiamo rilevato a titolo definitivo perché riteniamo che possa fare bene con la nostra squadra. La Roma si è riservata il 50% su un’eventuale futura cessione del ragazzo.

Mercato? Siamo partiti con Stefano dicendo che, dal momento che siamo stati promossi nella massima serie, dovevamo ripartire dalle fondamenta. Per evitare pressioni inutili potevamo dire altro, ma, dato che siamo di questo territorio e sappiamo sopportare le pressioni, abbiamo detto che c’era tantissimo da fare. Poi siamo venuti dopo diverse operazioni dicendo che c’è tanto ancora da fare. Ora, dopo undici acquisizioni, dico che rimane poco da fare. Il mercato termina fare un mese. Quel poco riguarda un reparto nel quale eravamo intervenuti per primi cogliendo un’opportunità straordinaria, scegliendo un giocatore esperto e importante (il difensore serbo del Genoa Nikola Maksimovic, affare saltato all’ultimo a causa di alcuni problemi familiari dell’ex centrale del Torino, il quale ha scelto poi di tornare in patria). Avevamo già i moduli del Genoa in sede, ma alla fine è successo l’imponderabile. Esistono però i contrattempi, adesso siamo a ridosso del campionato ma ancora non so entro quanto arriveranno nuovi innesti. I marcatori sono ormai una razza in via di estinzione, e quei pochi che sono rimasti hanno costi alti. Dobbiamo rimpolpare il reparto difensivo cercando opportunità consone al budget che abbiamo a disposizione.

Pertanto, anche se abbiamo poco da fare, dovremo sforzarci tantissimo per presentarci ai nastri di partenza all’altezza della situazione. Può anche succedere che un calciatore arrivi pochi giorni prima della partita e vada subito in campo. Cercheremo di sbrigarci. Sappiamo che la A è un campionato in cui c’è necessità di avere una rosa lunga, quindi non è escluso che possiamo cogliere altre opportunità. Così è successo a centrocampo, così può succedere sugli esterni in attacco. Non perché Strefezza, Di Francesco e Listkowski non offrano garanzie, ma perché si scende in campo ogni tre giorni “.

STEFANO TRINCHERA ( direttore sportivo del Lecce, nella foto): “Escludo Calabresi centrale. Troveremo altre soluzioni funzionali al nostro progetto”.

JOEL VOELKERLING PERSSON (nuovo attaccante del Lecce, nella foto insieme al presidente Saverio Sticchi Damiani): “Allenarsi con Mourinho alla Roma è stato bello. Cosa mi diceva? Di continuare a lavorare. Sono una punta ma posso giocare anche esterno. Non sono stato impiegato in quel ruolo a Roma ma posso adattarmi in quanto per me l’obiettivo principale è aiutare la squadra. Devo dare il massimo quotidianamente. Mister Baroni sta lavorando bene, come la scorsa stagione . La nostra crescita proseguirà. La mia prima esperienza nel massimo campionato sarà dura, ma è normale, sono sicuro che crescerò. . In passato ho appreso l’atteggiamento giusto, a Lecce porto quello. In campo non mi risparmio, do sempre il 100%, se devo correre corro e se devo fare gol faccio gol. Ceesay e Colombo? Il gambiano non lo conoscevo prima, mentre Colombo si, lo sfidai con l’U17. Concorrenza? Non ho paura, il mister fa le sue scelte. La finale primavera con l’Inter è stata un peccato, meritavamo di vincere. Adesso penso a batterli con la prima squadra. Se dovessi dire un giocatore svedese in Italia , dico senza dubbio Ibrahimovic, per me è quasi un dio. Numero ? Ho scelto il 31 perché è un numero che mi piace”.

QUESTA MATTINA I NEO GIALLOROSSI SAMEK E DI FRANCESCO HANNO EFFETTUATO LE VISITE MEDICHE DI RITO

Nella mattinata di oggi i neo giallorossi Federico Di Francesco(nella prima foto), giunto nel Salento nella tarda serara di ieri , e Daniel Samek(nella seconda foto) hanno effettuato le visite mediche di rito presso il centro Bio lab di Cutrofiano.

E C’E’ ANCHE CHI SALUTA: MAJER E’ DELLA REGGINA

Nella mattinata di ieri i giallorossi hanno annunciato con una nota la cessione a titolo definitivo di Zan Majer(nella foto) alla Reggina.

Il centrocampista sloveno, molto amato dalla tifoseria per la dedizione alla causa dimostrata nel corso di queste stagioni trascorse al Via del Mare, lascia dunque il Salento dopo 3 anni, 102 presenze e due promozioni in Serie A per trasferirsi in riva allo Stretto alla corte di Pippo Inzaghi.

Il classe 1992 ha salutato la piazza su Instagram.

Di seguito le sue parole: “Popolo giallorosso! 1260 giorni da quando sono arrivato a Lecce. 1260 giorni da quando mi avete accolto nel modo più bello che un calciatore possa desiderare. Abbiamo lottato insieme, ci siamo divertiti insieme, abbiamo anche pianto insieme ma alla fine abbiamo messo il Lecce nel posto dove merita. Qua la mia esperienza con il Lecce è finita. Nel calcio, purtroppo, tutto finisce. Vorrei ringraziare tutti coloro che in qualsiasi modo mi hanno aiutato a crescere e diventare una persona migliore giorno dopo giorno. Vorrei ringraziare in particolare l’US Lecce per l’opportunità, ho sempre dato il massimo, qualunque cosa abbia potuto in quel momento. Il Lecce avrà sempre un posto speciale nel mio cuore. Non è un addio, è solo un arrivederci! Forza Lecce!”.

Category: Costume e società

Lascia un commento