INQUINAVA IL SOTTOSUOLO, I CARABINIERI DI LECCE SEQUESTRANO UNO SCARICO ‘DI DEPURAZIONE’ DELL’ ACQUEDOTTO PUGLIESE A MARTINA FRANCA

| 9 Febbraio 2016 | 0 Comments

(e.l.)______Un altro caso di devastazione ambientale. Ancora più grave, se si pensa che ne è responsabile una società partecipata pubblica come l’ Acquedotto Pugliese. Quattro indagati e un sequestro. Infatti, questa mattina, l’impianto di depurazione delle acque reflue civili di Martina Franca, gestito dall’Acquedotto pugliese, e lo scarico attualmente asservito all’impianto, in località ‘Pastore’, in un terreno di proprietà privata, sono stati sottoposti a sequestro preventivo, con provvisoria facoltà d’uso, dai carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce.

Lo scarico è formato da un inghiottitoio naturale che recapita gli effluenti inquinanti del ciclo di depurazione nel sottosuolo, “intaccando – è detto in una nota – la salubrità delle acque sotterranee per effetto dell’estrema vulnerabilità della falda profonda in territorio carsico quale è quello della Valle d’Itria”.

Le analisi chimico-fisiche su campioni di acque prelevate dai pozzi posti in un raggio di un chilometro dallo scarico sequestrato oggi “hanno evidenziato – precisa il Noe – superamenti dei limiti tabellari per parametri quali il cloro, l’azoto totale il fosforo, i solidi sospesi e i tensioattivi anionici e totali”.

Category: Cronaca

About the Author ()

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.