I PERICOLI DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE IN UN INCONTRO SANITARIO

| 30 settembre 2014 | 0 Comments

«La fibrillazione atriale è un problema sociale ed economico rilevante. L’ictus poi aumenta la mortalità dei pazienti e quelli che sopravvivono con un’emisindrome (la paralisi nella metà del corpo) hanno un costo sociale elevatissimo e richiedono assistenza e controlli continui, ospedalizzazione e riabilitazione. La fibrillazione atriale e in seconda analisi l’ictus, aumentano con l’età. Una piaga sociale che noi abbiamo il dovere di trattare e limitare.

La persona anziana dovrebbe controllarsi e programmare con il suo medico di base i controlli clinici ambulatoriali. E soprattutto deve essere istruito su quelli che sono i sintomi della Fibrillazione atriale, che spesso passano inosservati. Se ci sono sintomi sospetti bisogna fare una valutazione cardiologica più specifica e comunque gestire attentamente peso e alimentazione”.

Lo ha affermato Antonio Tondo (nella foto) , cardiologo interventista nell’unità di Emodinamica del “Vito Fazzi”, in un incontro sanitario dedicato al tema specifico.

 

Category: Costume e società

Lascia un commento