SE QUESTI SONO UOMINI

| 14 luglio 2015 | 0 Comments

(Rdl)______La Cgil della provincia di Lecce ha inviato una lettera al prefetto, al presidente della Regione Puglia e al direttore generale della Asl per denunciare le condizioni in cui si trovano i lavoratori impegnati nella raccolta di angurie e pomodori nelle campagne della zona di Nardò. Il sindacato esprime “forte preoccupazione e malcelata indignazione” per “la situazione che per l’ennesimo anno vivono i lavoratori immigrati” e stigmatizza le inadempienze della locale amministrazione comunale.

Una situazione esplosiva che “pone concretamente un allarme di natura igienico sanitaria e favorisce illegali procedure di reclutamento della manodopera da parte dei caporali a unico beneficio delle imprese agricole che vi fanno ricorso”.

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento