REGGAE / PER L’ ORTO DEI TUR’AT A RACALE VENERDI’ 7

| 6 Agosto 2015 | 0 Comments

Venerdì 7 agosto, alle 18.00, a Racale, Torre Suda, via Marco Polo 67, sulla strada provinciale 290 Felline – Torre San Giovanni, a presso L’ Orto dei Tur’at, ci sarà la serata denominata “Conscious Island IV”.

Si tratta di un raduno di sound system e artisti della scena reggae salentina a sostegno de L’Orto dei Tur’at.

La distesa verde negli ultimi cinque anni è stata colpita per ben quattro volte da attentati incendiari. In seguito all’ultimo rogo (nella foto, il lento rifiorire della natura), risalente allo scorso giugno, gli operatori dell’associazione culturale Orto dei Tur’at hanno lanciato il proprio s.o.s. tramite i social network, dato che buona parte del frutteto e delle strutture che componevano l’orto, come bar e servizi igienici, sono andate distrutte.

Il messaggio è stato raccolto da un gruppo di promoter salentini legati alla scena dei sound system reggae cosiddetti “coscienti”, ossia coloro i quali si impegnano a dar voce soltanto a quegli artisti le cui liriche non inneggino al razzismo, alla violenza, al sessismo e all’omofobia, tendenza fortunatamente in declino ma che a cavallo tra gli anni Novanta e il Duemila era molto diffusa tra i cantanti giamaicani.

Lo spirito originale del reggae, dunque, a sostegno di chi come l’Orto dei Tur’at opera per migliorare la qualità della vita del territorio salentino. Gli impianti auto-costruiti di Earthikal Towa e Kooloometoo si uniranno simbolicamente in un unico “tur’at” di casse per amplificare i loro dischi in vinile e quelli di I-Militant, Rebel Lion, Mr Green e R&D Vibes, insieme all’alternarsi al microfono di voci quali quelle di Treble detto “Lu Professore” – veterano e tra i fondatori dei Sud Sound System – Dani Silk, Zakà, Rocky Ganjavox e Mentaly Doof, più le incursioni live alla tromba di Luigi Miacola. Una line up inedita e assolutamente da non perdere, composta interamente da artisti che si esibiranno in forma gratuita per finanziare la ricostruzione e la ricoltivazione dell’Orto.

Ma Conscious Island IV non rappresenterà solo un sostegno economico alla causa. In seguito alle modalità con cui l’Orto dei Tur’at è stato ripetutamente colpito da mano e per causa ignota, è stato coinvolto nell’organizzazione anche il Coordinamento Provinciale di Libera Lecce, organizzazione di associazioni salentine che combattono quotidianamente contro ogni forma di intimidazione mafiosa.

Grazie a Libera, dunque, ed alla preziosa e attiva collaborazione dello Spazio Sociale ZEI di Lecce, sono state contattate numerose realtà sociali della zona per dar vita, sempre venerdì 7 agosto all’Orto dei Tur’at, ad una tavola rotonda che coinvolga parecchi attori del territorio, comprese le amministrazioni locali. Per cercare di capire, confrontarsi e ribadire che dinanzi a certi episodi nessuno verrà mai lasciato solo.

Il tutto si svolgerà a partire dalle ore 18, seguirà una cena sociale prima di dare inizio alle danze che dureranno per tutta la notte. L’ingresso sarà libero e si sta già predisponendo un’area camping – sempre gratuita – per consentire anche a chi arriverà da lontano di non dover guidare stanco dalla serata, ma di potersi fermare a riposare in tenda.

 

Category: Eventi

Lascia un commento