LA LECCE SPORCHISSIMA / UNA CITTA’ SEMPRE PIU’ DEGRADATA – reportage fotografico

| 18 Agosto 2015 | 0 Comments

(v.m.)______
Nell’era della rete, c’è ancora chi pensa di comunicare scrivendo sui muri. Una pratica che se aveva un senso negli anni Settanta, e già allora era fortemente criticata, oggi con tutti i mezzi che la tecnologia mette a disposizione di singoli e gruppi, è proprio fuori luogo. La città viene sporcata e vandalizzata  senza che l’amministrazione intervenga in alcun modo. Sorvoliamo sui messaggi di odio che  queste scritte contengono, sorvoliamo sulla stupidità di chi con i mille pericoli che oggi la nostra società corre, soffre di torcicollo e guarda a ottant’anni fa, o di chi inneggia a quei tempi.  Comprendiamo che far finta di combattere chi non esiste più, da molto tempo, è molto più semplice che combattere per davvero, quei nemici reali che sono in campo e ben armati. Ma poi, ha davvero senso utilizzare i muri per dare un messaggio pseudo-politico? Oggi con le mille possibilità che offre la rete? E le istituzioni perché permettono che la nostra città si presenti deturpata? Forse è proprio vero che ogni popolo ha il governo che si merita …anche quello della città.

Category: Costume e società

Lascia un commento