FOTO DEL GIORNO

| 9 ottobre 2015 | 0 Comments

Licenziare Lea Cosentino fu un atto illegittimo. La Regione Puglia dovrà risarcire l’ex direttore generale della Asl di Bari per averla licenziata nel 2009, pagandole danni patrimoniali e d’immagine per oltre 300mila euro. Lo ha stabilito il il Tribunale del lavoro di Bari. La decisione della Regione fu presa all’indomani delle notizie relativa al coinvolgimento di Cosentino nelle indagini della Procura di Bari sulla gestione della sanità in Puglia.
Questa la notizia, naturalmente qualche considerazione andrebbe fatta.
Noi ci limitiamo a farne una.
Quale classe politica ha nominato la Cosentino direttore generale dell’Asl di Bari? E’ forse la stessa che per salvarsi la faccia, l’ha poi licenziata quando è stata coinvolta nello scandalo? E quando la Cosentino ha chiesto i danni facendosi difendere da valentissimi professionisti, chi doveva difendere i soldi dei cittadini che ora dovranno essere sborsati, sempre la stessa classe politica amica della Cosentino che a suo tempo la nominò?
Ci sarebbe piaciuto seguire tutte le fasi processuali per vedere se, e come  la Regione si è difesa in Tribunale.

Category: Costume e società

Lascia un commento