ARRESTATI DUE SPACCIATORI VICINO AD UNA SCUOLA

| 19 ottobre 2015 | 0 Comments

Intorno alle ore 11.00 una volante della Polizia ha notato un’autovettura SMART ferma in un piazzale vicino ad  un distributore di Benzina in via Merine, con due persone  sospette che stavano armeggiando nell’abitacolo.
Al posto guida risultava esserci I.C. del’95 e  seduto  accanto vi era  T. F. del’81

Alla vista dei poliziotti i due assumevano  un atteggiamento visibilmente nervoso, tanto da indurre i poliziotti a farli scendere dall’auto per effettuare un controllo più approfondito. Una volta fuori dall’abitacolo i fermati rispondevano in maniera contrastante alla domanda su cosa ci facessero fermi nell’area di servizio

Considerata la vicinanza da quel luogo di due scuole superiori dalle quali, guarda caso, questa mattina intorno alle ore 11.00 sarebbero usciti dei ragazzi minorenni, gli agenti procedevano ad una perquisizione a seguito della quale veniva trovato nel porta oggetti lato conducente ove era seduto I.C.  un “panetto”  del tipo HASHISH oltre a tre “piccoli pezzetti” della stessa sostanza,  il tutto  racchiuso parzialmente con un  involucro in cellophan trasparente, del peso complessivo di grammi 72. All’interno del porta oggetti della portiera ove era seduto il T. F., veniva rinvenuto un bilancino elettronico perfettamente funzionante, mentre sul sedile posteriore vi era un marsupio con la cerniera aperta, contenente due coltelli, uno con lama affilata ed appuntita e  l’altro sempre con lama affilata ed appuntita a scatto. Entrambe le lame risultavano ancora intrise del precitato stupefacente. La perquisizione addosso all’I.C., consentiva di trovare all’interno del portafogli  100,00 euro .
Per completare gli accertamenti si effettuava una perquisizione domiciliare a carico dei due che consentiva di ritrovare, nell’abitazione di T.F. nella cucina, sopra il marmo adiacente i fornelli,  un rotolo di carta stagnola  parzialmente usato e un quadratino già tagliato oltre a tre grossi  coltelli affilati a punta con le lame intrise di haschish.

Presso il domicilio dell’I. C invece, nella  stanza da letto  veniva rinvenuto un flaconcino solitamente usato per profumi,  contenente semi di MARJUANA.

Al termine degli accertamenti i due venivano arrestati per  detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e I.C. anche per detenzione e porto abusivo di armi bianche.

 

Category: Cronaca

Lascia un commento