DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 23 marzo 2016 | 0 Comments

ITALIA______

Roma – Altissimo il livello di sicurezza in Italia dopo l’attacco terroristico in Belgio. A Fiumicino lo stato è di massima allerta dopo che il ministro dell’interno Angelino Alfano ha convocato il comitato nazionale di sicurezza. In questo momento Roma è blindata. A Fiumicino e al Leonardo Da Vinci sono intensi i controlli dopo le bombe deflagrate ieri all’aeroporto di Bruxelles. Molti voli sono stati cancellati, altri decolleranno regolarmente. La situazione è abbastanza tesa. Alitalia ha attivato un numero verde per informazioni sui voli per tutti coloro che hanno familiari in viaggio:

+39/0665649

ITALIA______

Bari – “Qui c’è davvero il delirio, non immaginavamo potesse succedere davvero, nè che si arrivasse a questo punto…”. Parole smarrite di Francesco Cisternino, un lavoratore pugliese, policy advisor per la Confcommercio, che ha visto da vicino la strage di Bruxelles. Il testimone racconta ai telegiornali regionali: “Venendo al lavoro ho visto persone in lacrime per strada: dai taxi stanno facendo scendere tutti per i ‘security ceck’, stanno controllando chiunque”. Cisternino spiega inoltre che una sua collega “si trovava a bordo del treno in metropolitana è stata fatta scendere, insieme agli altri passeggeri che hanno dovuto camminare sui binari per uscire dalla metro…”. Traspare tutta la brutalità di quegli attimi attraverso la sua voce. Le linee telefoniche sono state per lungo tempo in tilt e in questo momento l’allerta è la più alta di sempre in tutto il Belgio.

MONDO______

Bruxelles – La capitale belga continua ad essere sotto assedio. I attentati dinamitardi targati Isis che sono stati consumati all’aeroporto internazionale “Zavanten” e all’interno della metropolitana di Maalbeek (a pochi chilometri dal Parlamento europeo), hanno prodotto decine di vittime e centinaia di feriti. Il dato delle vittime è in continua crescita e per adesso non si può preventivare un dato certo della tragedia. Ricostruiamo i fatti: le due bombe sono state brillate alle ore otto di ieri all’interno del terminal A vicino al banco dell’American Airlines. I kamikaze dell’Isis sono stati i crudeli artefici della strage. Le forze dell’ordine hanno evacuato lo scalo e interrotto i collegamenti ferroviari. Altri ordigni inesplosi sono stati trovati nei pressi dell’aeroporto e perciò il livello di allerta è ancora livello quattro, il massimo possibile. Prima delle due esplosioni sono andate in scena raffiche di mitra e urla inneggianti ad Allah. Per fortuna non era presente alcun aereo Alitalia all’aeroporto di Bruxelles. Il volo Milano-Bruxelles è stato spostato su Liegi, mentre il volo per Bruxelles che doveva partire stamattina da Roma è stato completamente bloccato. Altri voli dalla capitale belga per l’Italia erano già decollati al momento dell’attentato. L’agguato, avvenuto a quarantotto ore dalla cattura di Salah Abdeslam (protagonista della strage parigina di novembre), ha fatto ricadere nel dramma totale tutta l’Europa. La psicosi, figlia dell’altissima tensione, ha fatto alzare le barricate militari nei punti nevralgici delle più importanti città occidentali.

“Stavolta – conclude – è veramente brutto”.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento