CI SIAMO: DOMANI LECCE-BASSANO / TUTTI I SOGNI DI UNA STAGIONE IN UNA PARTITA DA “DENTRO O FUORI”

| 14 maggio 2016 | 0 Comments

di Laura Ricci______

Niente calcoli, niente fronzoli, nessun programma in prospettiva: Lecce-Bassano è un incontro da “dentro o fuori” e tutto sarà deciso in 90 minuti o, in caso di pareggio allo scadere del tempo regolamentare, ai supplementari o, infine, ai rigori.

Domani alle 15.30 il Via del Mare sarà il teatro dello spettacolo che prenderà vita in occasione dei quarti di finale di play-off. Chi vince accede alle semifinali, chi perde torna a casa e saluta definitivamente il sogno della Serie B.

Come arriva il Lecce- Ritiro in solitaria e tanta concentrazione per i ragazzi di Braglia alla vigilia dell’apertura dei play-off. L’ intera squadra pare sia in buona forma fisica, fatta eccezione per il lungodegente Freddi e l’acciaccato Cosenza, pedina fondamentale per la squadra alla quale il mister leccese dovrà rinunciare.

Con Cosenza out, Braglia potrebbe ricorrere alla più naturale sostituzione con Camisa a completare il trio di difesa con Abruzzese e Alcibiade, senza sconvolgere l’assetto tattico che la squadra ha somatizzato nel corso dell’intero campionato.

Per il centrocampo dovrebbe riprendersi una maglia da titolare Legittimo ai danni di Liviero; la diga in mezzo al campo sarà affidata, come di consueto, ai gemelli romani Papini e Salvi, affiancati dal cuore giallorosso di Franco Lepore.

In avanti sono tante le possibili combinazioni: probabile partenza dal primo minuto di Surraco, Moscardelli e uno tra Doumbia e Caturano.

Il tecnico del Lecce potrà contare in ogni caso su una vasta gamma di frecce per il suo arco, senza dimenticare l’asso nella manica, Curiale.

L’avversario- Dopo la promozione in Lega Pro nella stagione 2013/14, il Bassano ha subito conquistato i gradini alti della gerarchia della competizione e ha sfiorato l’accesso in Serie B durante la scorsa annata, terminata poi con una sconfitta nella finale play-off contro il Como.

Quest’anno la squadra di mister Stefano Sottili ha terminato il campionato al terzo posto a quota sessantatré dietro a Pordenone (sessantacinque punti) e Cittadella che ha dominato la competizione e si è presa la Serie B per vie dirette con settantasei punti.

Con il bilancio finale di diciassette vittorie, undici pareggi e sei sconfitte, i veneti approderanno a Lecce con l’intento di tenere testa ai salentini nonostante il fattore campo.

La sfida, come tutti gli scontri diretti, si prospetta spettacolare e combattuta. Entrambe le squadre tenteranno di evitare i rigori che, si sa, rendono giustizia solo al particolare momento e non a tutto il lavoro profuso in campo fino a quel momento.

 

Category: Sport

Lascia un commento