DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 22 Giugno 2016 | 0 Comments

ITALIA______
ROMA – Quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere, due ai domiciliari più una misura interdittiva. E’ il risultato di una inchiesta su un giro di ‘mazzette’ che chiama in causa alcuni imprenditori legati alle cooperative e dipendenti del Dipartimento delle Politiche Sociali e della Salute. Tangenti per aggiudicarsi appalti per la manutenzione delle strade di Roma. In tre ai domiciliari Tangenti su trentatrè appalti a Roma, arrestati sette funzionari 21 giugno 2016Arresti e perquisizioni per dipendenti del Comune di Roma e imprenditori coinvolti in una vicenda di corruzione. L’inchiesta della Procura riguarda un giro di mazzette nella gestione di alcuni campi nomadi della Capitale e non ha alcun legame con la maxinchiesta su Mafia Capitale. Il giro di tangenti riguarda funzionari del dipartimento politiche sociali e salute del Comune e risale al periodo compreso tra la fine del 2013 e il marzo del 2014.  I reati contestati sono corruzione, falso in atto pubblico e turbativa d’asta. Raggiunti da provvedimento di custodia cautelare in carcere gli imprenditori delle coop, Roberto Chierici, Massimo Colangelo, Loris Talone e Salvatore di Maggio. Ai domiciliari il funzionario del Comune di Roma, Alessandra Morgillo e il vigile urbano Eliseo De Luca. Disposta una misura interdittiva per il funzionario Vito Fulco. L’ordinanza di arresto è stata firmata dal gip Flavia Costantini su richiesta del procuratore aggiunto Paolo Ielo e dei sostituti Carlo Lasperanza, Edoardo De Santis, Luca Tescaroli e Maria Letizia Golfieri.  Nel procedimento risulta indagata anche Emanuela Salvatori, la funzionaria del Comune che lo scorso novembre è stata condannata a quattro anni di reclusione, in abbreviato, per i suoi affari con il ‘ras’ delle cooperative Salvatore Buzzi in uno dei rivoli di Mafia Capitale.

ITALIA______
BENEVENTO – Un giovane rumeno di venti anni è stato interrogato per tutta la notte dai pm della Procura di Benevento nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di una bambina di dieci anni, il cui cadavere nudo è stato trovato nella notte fra domenica e lunedì nella piscina di un casale a San Salvatore Telesino, in provincia di Benevento. Il giovane conosceva la bambina e al termine dell’interrogatorio, condotto dal pm Maria Scamarcio, che coordina le indagini insieme al procuratore Giovanni Conzo, è tornato nella propria abitazione a San Salvatore Telesino. Dove  i Carabinieri del Ris di Roma hanno effettuato alcuni rilievi. Il giovane – secondo le indiscrezioni trapelate finora – ha confermato di conoscere la bambina e ha detto di averla vista la sera di domenica, prima che della piccola si perdessero le tracce, ma di averla lasciata nei pressi della chiesa di Santa Maria Assunta dove la bambina, che faceva la chierichetta, aveva detto ai genitori che si sarebbe recata per la processione del patrono. Il giovane avrebbe anche detto che dopo aver lasciato la bambina sarebbe andato da conoscenti fuori San Salvatore Telesino. Oltre al giovane, gli investigatori hanno interrogato in tutto una quarantina di persone nel tentativo di ricostruire con la maggiore precisione possibile le ultime ore di vita della bambina.

MONDO______
BRUXELLES – È rientrato un preoccupante allarme bomba a Bruxelles. Il sospetto arrestato nell’ambito dell’operazione antiterrorismo effettuata ieri mattina nei pressi di un centro commerciale indossava un falso giubbotto esplosivo. Lo hanno indicato i procuratori del Belgio. “Finora non è stata trovata alcuna bomba. Il giubbotto esplosivo che aveva il sospetto era falso”, ha spiegato l’ufficio del procuratore di Bruxelles. L’allerta nella capitale del Belgio è scattata alle 6.30 del mattino, quando è stato segnalato un uomo che si comportava in modo sospetto vicino al centro commerciale City 2; questo, secondo l’emittente Rtl, ha fatto scattare l’allarme bomba. Il primo ministro belga, Charles Michel, ha indetto una riunione d’emergenza con i componenti del suo gabinetto di sicurezza, a quanto riportano le agenzie stampa del posto.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento