OLIO EXTRAVERGINE PUGLIESE, QUEST’ ANNO CROLLA LA PRODUZIONE, RADDOPPIANO I PREZZI

| 8 novembre 2016 | 2 Comments

(e.l.)______Angelo Corsetti (nella foto), direttore della Coldiretti, ha consegnato questa mattina a Bari una bottiglia di extravergine novello del nuovo raccolto locale al presidente del Consiglio regionale Mario Loizzo, al presidente della Giunta Emiliano e a tutti i consiglieri e assessori.

Nell’ occasione, Corsetti ha ricordato che, a causa di truffe, adulterazioni, olio estero ed etichette ingannevoli, il comparto olivicolo-oleario pugliese è sotto attacco ed è quello di punta dell’intero Paese. La produzione lorda vendibile dell’oro verde locale è pari infatti a un quinto (600 milioni di euro) di quella intera italiana e concorre alla ricchezza regionale per il 3%. Ma la produzione olivicola pugliese, che da sola rappresenta il 36,6% di quella nazionale e ben il 12% di quella mondiale, è costantemente aggredita dagli speculatori, minacciata da un massiccio fenomeno di sofisticazioni e indifesa davanti all’italian sounding, che spaccia all’estero per italiani prodotti scadenti di provenienza incontrollata.

Inoltre, ha annunciato che quest’ anno la produzione è diminuita del 40% rispetto al 2015, mentre i prezzi sono aumentati del 54%: alla borsa merci di Bari sono passati da 3,70 euro al chilo a 5,70.

Category: Cronaca

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Dario Stefàno - tramite redazione ha detto:

    “Il governo metta in campo strumenti per azzerare il rischio di frodi alimentari. Occorre tutelare la filiera della produzione e della distribuzione dell’olio Evo italiano e proteggere i consumatori che hanno il diritto di sapere cosa mangiano, soprattutto dinanzi ad un inevitabile aumento dei prezzi”.

    A chiederlo in un’interrogazione indirizzata al Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina è il senatore Dario Stefàno, Capogruppo (Misto) in Commissione Agricoltura a Palazzo Madama, a seguito dell’allarme prezzi dell’olio extravergine.

    “La produzione dell’olio extravergine d’oliva in Italia, secondo quanto riportato dalle associazioni di categoria, registra un crollo del 40% e i prezzi, secondo le rilevazioni della Borsa Merci di Bari, hanno subito un aumento del 54%. La penuria di olio dalla Puglia, che – ricorda Stefàno – è la principale regione produttiva d’Italia, espone naturalmente tutto il settore olivicolo a tentativi di frodi e contraffazioni, in una situazione già di per sè assai critica, dal momento che 2 bottiglie su 3 contengono prodotto straniero proveniente per il 60% dalla Spagna, il 25% dalla Grecia, il 10% dalla Tunisia”.

    “Abbiamo già assistito a miscelamenti smascherati tra prodotti di importazione e prodotti nazionali con lo scopo di far acquisire ai primi, con le immagini di etichetta o sotto la copertura di marchi storici, una parvenza di italianità da sfruttare, poi, sui mercati nazionali ed esteri”.

    “L’attuale normativa sulla trasparenza, entrata in vigore il 1 luglio 2009, in base al regolamento comunitario n. 182 del 6 marzo 2009, di fatto ha dimostrato tutta le sua debolezza e inefficacia: sulle bottiglie di extravergine ottenute da olive straniere è quasi impossibile, nella stragrande maggioranza dei casi, leggere in modo chiaro e immediato le scritte “miscele di oli di oliva comunitari”, “miscele di oli di oliva non comunitari” o “miscele di oli di oliva comunitari e non comunitari”. Tale dicitura – conclude Stefàno – viene infatti riportata in caratteri molto piccoli, magari posti dietro la bottiglia, accompagnata e preceduta spesso da immagini, frasi o nomi che richiamano all’italianità fortemente ingannevoli”.

  2. Giuseppina Cerbone ha detto:

    Grazie al SALONE DEL GUSTO di TORINO, il successo dell’olio Pugliese ha raggiunto un apprezzamento e conseguente acquisto elevatissimo! Qui stiamo attentissimi alla provenienza alla qualità e gusto. Abbiamo fatto selezione. Molti prodotti di “nicchia”sono stati prescelti, a prezzi da gran gourmet. Manca un’ adeguata pubblicità alla qualità. Fate un sforzo Signori produttori cominciando da noi. Troveremo gli altri canali.
    Elena Vada

Lascia un commento