banner ad

TAROCCHI & OROSCOPO / SONIA RISPONDE

| 23 febbraio 2017 | 0 Comments

SONIA RISPONDE AI SUOI FEDELISSIMI AMICI ______

GUSTAVO: Capricorno

Come mi hai chiesto ho camuffato il tuo nome, in quanto mi dici di essere noto a Lecce.

Sei molto preoccupato per le vicende che riguardano la tua professione e gli interessi altrui.

Quando m’interpellasti la prima volta, ti chiesi APERTAMENTE, se avevi una coscienza e di basarti su quella per agire nell’interesse di tutti, anche per te stesso.

Ora ti senti colpevole e vorresti un aiuto miracoloso (non so, come altro definirlo). Da come si sono messe le cose , hai ancora margine per rimediare al peggio.

La paura che hai, è giustificata, ma andare avanti sulla stessa traiettoria, sulla stessa linea, aggraverà la tua posizione. Forse è ora di tirare fuori gli attributi. Senza sollevare troppa polvere, puoi esprimere il tuo disaccordo sulla faccenda. Si, come mi hai detto tu stesso, avrai molti rimbrotti, allontanamenti, discussioni…. Diventerai il “dissidente”, la “pecora nera”.

Vai avanti ugualmente, “il tempo è galantuomo”… e, tra non molto, qualcuno che stimi, ti stringerà la mano. Le carte dicono, chiaramente, che i tempi bui, lasciano sempre spazio all’arcobaleno, che viene dopo. Ora, mentre tutti si godono ferie ed Olimpiadi, metti a posto le cose, così come dovrebbero essere. Non sperare di poter celare le malefatte, più di tanto. I nodi, prima o poi, vengono al pettine. Mi chiedi un amuleto. Non so come mandartelo…. Vedremo più avanti. Intanto scrivi pure presso il giornale. Il direttore, gentilmente, mi passa la posta.

Cari saluti a te e famiglia, soprattutto tua moglie Lina, che ci ha messo in comunicazione. Sonia.______

TERESA: Pesci 1960

Sarà la quarta o quinta volta che ci sentiamo. Ti rispondo pubblicamente perché, come te, ci sono tante persone sole, di cui la famiglia, non si preoccupa minimamente. Nonostante l’età, continui a credere alle favole e quando scopri che sono solo fanfaluche quelle che ti hanno raccontato, caschi dal pero…. Vai in depressione, cominci ad ingoiare pastiglie su pastiglie. Piangi e piangi… ma sul “latte versato”, perché le carte si erano ben espresse, ricordi?:”Persona inaffidabile, di poche parole perché non può farne di più, la LUNA nasconde sempre qualcosa nella penombra” ti avevo detto su questo Marco. Dieci anni di meno sono tanti, non fisicamente, ma cerebralmente…. Poi sempre senza soldi, lavori precari, squilli del cellulare senza ragione e spiegazione. Adesso non venirmi a dire che sei pazzamente innamorata, perché non è vero. Senti la solitudine ed il vuoto che ha lasciato. Fatti coraggio e forza… il suicidio è l’ultima cosa a cui pensare. Non prendere queste pastiglie a vanvera. Forse ti fanno dormire o t’intontiscono, ma non risolvono i tuoi problemi. Ti parlo come ad una sorella: “Secondo me, devi festeggiare, perché hai fatto un terno al Lotto!” Marco, era sposato, separato con tre figli da mantenere, fidanzato con una che hai scoperto ora, senza soldi, senza lavoro, e debiti che gli stavi pagando tu. Guarda, scegli una delle ricette di cucina che dà Gusto Giusto sul giornale e passati una bella serata, magari guardando le Olimpiadi, o leggendo un bel libro. Vedi, mentre scrivevo, e venuta fuori la TORRE CHE CROLLA, E LA RUOTA DELLA FORTUNA….. Sai cosa vuol dire? Che devi essere felice che tutto sia finito con quella persona, e devi incamminarti piano, piano e raccogliere quello che avevi lasciato indietro, perché accecata da questo assurdo amore. Ciao. Sonia______

CORRADO: VERGINE 1945

Corrado, altro nonno solo, se ti senti così giù di morale perché non ti chiama al telefono…. Fai finta di niente. Prendi la bicicletta e vai… Lei tornerà a cercarti tra breve, quando sarà finito il soggiorno estivo con la Parrocchia. Mi dici che non ti telefonano neanche figli e nipoti e ti è passata la fame, il sonno, la voglia di vivere. Ti senti inutile su questa terra…. Corrado, SEI ESAGERATO! Andiamo pensa come sei fortunato ad avere la salute, l’interesse per la pittura e il ballo liscio. Stasera fatti bello, profumati tutto e vai a ballare. Mi hanno detto che c’è un posto a Lecce, dove si può ballare con poca spesa e trovi anche delle belle signore. Oppure vai al cinema, che a te piace tanto! L’importante è non stare solo in casa che t’immalinconisci. Un abbraccio forte. Sonia______

Per scrivere a Sonia: info@leccecronaca.it

 

Category: Costume e società

Lascia un commento

banner ad
banner ad