TRA FUMO E NEBBIA LA POESIA DI MAURIZIO LEO

| 5 gennaio 2018 | 0 Comments

 

di Raffale Polo______

Cominciamo dal titolo che è, di per se stesso, un vero e proprio componimento poetico: Nella macchina di Neal/ tanto fumo dentro/ tanta nebbia fuori .

La pubblicazione (iQdB di Stefano Donno – Collana Poesia) è un pamphlet con composizioni numerate da 60 a 70 (quindi, solo 11…) ma irrobustito dagli interventi di Vito Antonio Conte, Antonio Errico e Anastasia Leo.

L’autore è il copertinese Maurizio Leo (nella foto), vera icona salentina per chi ama la Beat Generation e i suoi luoghi tradizionali, ovvero gli States e i luoghi del Nord Europa, dove, intuibilmente, nebbia e atmosfere soffuse la fanno da padrone.

Piacevoli e interessanti i momenti poetici di Leo, agevole seguire il suo excursus e il tacito invito a condividere le sue circonvolute arie che paiono, tutte, avere un sax come sottofondo e il fumo di una sigaretta per contorno.

Con maestria, il poeta si spinge in avanti, come fa notare Errico: ‘…Così il processo di pensiero e il processo di scrittura si ricompongono in una coerenza e in una coesione, si ritrovano in un’intesa di senso, nell’unicità di una direzione verso l’orizzonte di esistenza. Quasi che si dicessero, in una conversazione muta: andiamo avanti, che la conclusione rassomiglia straordinariamente al principio. Andiamo avanti, per vedere, per capire che cosa c’è subito dopo l’angolo.’

E ci sentiamo di condividere l’invito di Conte a spogliarci, stanchi, e lasciarci cadere sulla vecchia poltrona di bambù a dondolo, accendendo l’ennesima sigaretta, seguendo l’azzurrognolo fumo ben oltre dove si possa credere…

Proprio per essere partecipi del mondi di Maurizio che la giovane figlia Anastasia definisce ‘un eterno Peter Pan scagliato nella realtà della crescita’.

Aggiungiamo con piacere, allora, questi ultimi, brevi componimenti alla copiosa e imaginifica scorta poetica che riguarda Maurizio Leo: pizzaiolo con l’estro della poesia, come fu per Ragueneau nell’immortale Cyrano…

Category: Cultura, Libri

Lascia un commento