banner ad

RITORNIAMO A STUDIARE L’ARTE CON SARA DI CAPRIO

| 6 settembre 2018 | 0 Comments

di Raffaele Polo______

Perché studiare ancora la Storia dell’arte? Ha ancora un senso nel mondo contemporaneo?

L’interrogativo, spontaneo e di non facile soluzione, viene esaminato e certamente risolto positivamente in questo pamphlet, molto ben congegnato e strutturato, opera di Sara Di Caprio, che lo pubblica per i tipi de ‘Il Raggio Verde’, con progetto grafico di Antonietta Fulvio.

La Di Caprio, che è anche la responsabile della collana ‘Didattica e formazione’ della stessa casa editrice, titola “Arte Lezione.0”, proprio come se questo fosse il ‘numero zero’ di una nuova, interessante esplorazione che serva a rinvigorire ed attualizzare i problemi connessi all’insegnamento ed alla comprensione di materie che la nostra struttura scolastica attuale riesce a malapena a ‘far digerire’ a scolaresche sempre meno interessate…

Per la verità, il problema è sempre esistito: al Liceo Classico frequentato mezzo secolo fa, le ore settimanali dedicate alla ‘Storia dell’Arte ’ erano…una! E se gli studenti, allora, non si ponevano i retorici quesiti sulla necessità dello studio di una materia, pure sembrava assurdo che Arte (e Musica) fossero così trascurate proprio nei Licei…

Sara Di Caprio ci accompagna in un vero e proprio viaggio didattico attorno a figure, personaggi, opere d’arte, interrogativi, aneddoti e seduzioni impalpabili nel (riuscito) tentativo di dare un senso ed una chiara indicazione alla fruizione dei prodotti ‘artistici’ ed alla comprensione degli stessi.

Dopo una serie di interventi esplicitativi sulle analisi di tutti gli aspetti legati alla lettura di un’opera d’arte, l’autrice si sofferma ad un razionale e motivato costrutto che concluda la sua ‘difesa’ di quell’asserto che tutti condividiamo: che, insomma, ‘La bellezza salverà il mondo ’…

E termina la sua interessante gita tra opere piene di fascino e mistero che vanno da San Satiro a Milano, a Sant’Apollinare Nuovo, alle tele di Caravaggio, sino alla cappella di Rothko.

Insomma, la storia dell’arte serve, eccome.

Serve a farci crescere e a farci conoscere ciò che ci circonda. Magari più della storia, della geografia o delle materie economiche..

E, se non siete d’accordo, leggetevi questo testo breve ma ricco di spunti ed indicazioni che la brava Sara ci offre con la ferma volontà di costruire e diffondere la cultura anche tra le ombre e le paludi del nostro vivere quotidiano…

 

Category: Cultura, Libri

Lascia un commento

banner ad
banner ad