banner ad

UN MUSEO ORA PIU’ APERTO AL SUO TERRITORIO

| 11 dicembre 2018 | 0 Comments

di Raffaele Polo______

Sembra ieri che il Presidente Pertini, in visita a Lecce, inaugurò la struttura dell’ex Collegio Argento dove era stato allocato il Museo Castromediano…. A 150 anni dalla sua nascita il Museo Castromediano, il museo pubblico più antico di Puglia, si rifà il look. L’intervento, sostenuto dalla Regione Puglia, Servizio Provveditorato e Patrimonio, e seguito dal Dipartimento Cultura, con un milione di euro, riguarda il rinnovamento degli spazi e degli impianti tecnologici: dal rifacimento delle superfici murarie alle pavimentazioni, all’illuminotecnica, alla climatizzazione, alla rete dati.

Gli spazi saranno riallestiti in maniera fluida e conviviale con arredi, sia interni che esterni, che consentano la socializzazione, lo scambio e la più ampia partecipazione possibile da parte di tutti i cittadini.

Alla città sarà reso un luogo da vivere tutti i giorni, che non si limita alla sola esposizione dei reperti, pure preziosissimi, che il museo custodisce, ma apre i suoi ampi spazi alla crescita culturale della città e del territorio.

L’idea è quella di un Museo che conserva e valorizza la sua eredità architettonica, sia quella ottocentesca di primo impianto che quella contemporanea relativa al rifacimento degli anni Settanta a cura dell’architetto Minissi, che gli diede con il quell’aspetto da “piccolo Guggenaim” che lo ha reso unico nel Sud Italia, ma, al contempo, prova a ricostruire quel rapporto emotivo che per secoli ha legato i luoghi alla storia, alla conoscenza, alle comunità che li abitano.

 

 

Gli stilemi architettonici saranno salvaguardati e i materiali rinnovati senza stravolgimenti di impatto percettivo, tuttavia, saranno aggiornate le caratteristiche prestazionali degli elementi. Si lavorerà sul potenziamento della rete dati, che coprirà tutti gli ambienti per garantire un accesso gratuito a tutti gli utenti del Museo, sarà realizzato un impianto di filodiffusione per l’ascolto della musica e della narrazione delle diverse sezioni che si trovano al suo interno, e una saletta 3D per le proiezioni immersive dove sarà possibile rivivere alcuni importanti ritrovamenti della preistoria.

Un incubatore di storie nuove che si misurano con l’antico, di progetti innovativi che mettono in connessione la valorizzazione dei reperti archeologici con i bisogni contemporanei, di giovani che si confrontano con la storia, con la creatività, e lo fanno insieme ai docenti, alle famiglie. Un “cantiere culturale” che ha già cominciato il suo racconto attraverso la voce di chi in questi mesi l’ha riempito di idee e voglia di fare: dal progetto Mua – Musei Accoglienti, che ha coinvolto tutti i musei civici delle Province di Lecce a Brindisi in un dialogo interculturale con le comunità di migranti, al Progetto ARTEM, una startup finanziata da PIN Puglia che assicurerà al nuovo museo servizi innovativi come spazi per il lavoro in comune, un baby park, un’area per il benessere psico fisico, a molti altri.

 

 

Il nuovo museo avrà anche una caffetteria e book shop dove saranno in vendita oggetti pensati e realizzati da designer e artigiani locali ispirati alle collezioni artistiche e archeologiche

Category: Cultura

Lascia un commento

banner ad
banner ad