VERSO LECCE-PADOVA: PRECEDENTI, FORMAZIONI E ANALISI PRIMA DEI PUDDHIDDHUZZI

| 22 dicembre 2018 | 0 Comments

di Annibale Gagliani______

Il team barocco vuole regalare echi di Serie A a tutta la tifoseria leccese nella domenica di calcio spumante, addolcita da puddhiddhuzzi e grida di euforia. Migliaia di sostenitori coloreranno uno stadio che riabbraccerà centinaia di emigranti di ritorno dalla nebbia al fulmicotone, dopo l’intenso anno di lavoro lontano dagli affetti.

PRECEDENTI

La sfida del Via del Mare di domani alle 15:00 tra Lecce e Padova, valevole per la diciassettesima giornata del Campionato di Serie B 2018-19, è il nono confronto delle due società in terra salentina. Precedenti tutti annoverati in cadetteria, coi biancorossi che hanno conquistato i primi tre (1-2 nella stagione 1930-31; 0-1 nella 1931-32; 0-2 nella 1983-84) e i lupi che hanno agguantato gli ultimi sei precedenti (ultimissimo il 2-1 della stagione promozione 2009-10).

STATO DI SALUTE

I salentini occupano il terzo posto momentaneo in coabitazione con il Pescara a quota ventisei punti, frutto di sette vittorie, cinque pareggi e quattro sconfitte; Liverani ha dovuto analizzare in settimana la beffarda sconfitta per 2-1 del Rigamonti di Brescia e chiede ai suoi uomini un pronto riscatto, forte delle ventisei segnature nel torneo con bocche di fuoco Palombi-La Mantia ambedue a quota sei centri.  I veneti sono impantanati al penultimo posto con undici punti, indice di due vittorie, cinque pareggi e otto sconfitte. Foscarini, tecnico subentrato in corsa a Bisoli, deve fare i conti con una difesa colabrodo, perforata ventisei volte e si affida alla forza fisica di Bonazzoli, pivot della squadra, autore di quattro delle quindici segnature totali. Il Padova è reduce da una sconfitta per 2-1 a Cosenza e finora si è dimostrato il sodalizio più avaro di esperienza e acume tattico.

FORMAZIONI

LECCE (4-3-1-2): Vigorito; Lepore, Lucioni, Meccariello, Bovo; Armellino, Petriccione, Scavone; Mancosu; La Mantia, Falco.

PADOVA (4-3-1-2): Perisan; Cappelletti, Capelli, Trevisan, Contessa; Clemenza, Pinzi, Pulzetti; Belingheri; Bonazzoli, Capello.

BOOKMAKERS

Il Lecce è favoritissimo per gli alibratori internazionali, con 1,65 euro pagati se il lupo azzannerà la preda. Il pareggio è quotato mediamente a 3,40, mentre l’exploit padovano oscilla tra 5,75 e 6,00. L’eventualità che si segnino più di due reti è quotata a 2,00, a fronte di una quota di 1,75 se la gara avrà uno stallo a massimo due marcature.

TEMA TATTICO

Foscarini cercherà di imbrigliare le trame di gioco del centrocampo leccese con uno schieramento a specchio, nel quale Clemenza, Pinzi e Pulzetti sono chiamati a pressare a ritmi alti per confodere le idee ai palleggiatori avversari. Bovo potrebbe partire come terzino sinistro, ma all’ultimo momento non è da escludere il recupero di Venuti, che tornerebbe in campo dopo la sosta ai box. Questa eventualità può rappresentare un fattore fondamentale della gara: Contessa, terzino mancino dei biancorossi, ex della gara, potrebbe soffrire le sgroppate di Venuti o affondare il colpo qualora Bovo fosse titolare, date le caratteristiche difensive del veterano romano. La coppia Lucioni-Meccariello dovrà marcare stretto Bonazzoli, in forma da diverse settimane. Il duo Capelli-Trevisan, compassati e disattenti nella gran parte della stagione, hanno da contrastare la tempra guerriera di La Mantia e l’inventiva guizzante di Falco e Mancosu, quest’ultimo chiamato al riscatto dopo un periodo di appannamento. Armi importanti dei due coach durante la contesa saranno Palombi, acclamato a gran voce dalla tifoseria licantropa, e Sarno, funambolo un po’ in ombra negli ultimi tempi.

 

 

 

 

Category: Sport

Lascia un commento