banner ad

CONOSCIAMO MEGLIO DE MARTINO. ERNESTO. TORNIAMO A STUDIARE, TORNIAMO A LEGGERE LIBRI, PER NON PERDERE LA MEMORIA STORICA

| 4 giugno 2019 | 0 Comments

(Rdl)______“La terra del rimorso è, in senso stretto, la Puglia in quanto area elettiva del tarantismo, cioè di un fenomeno storico-religioso nato nel Medioevo e protrattosi sino al ‘700 e oltre, sino agli attuali relitti ancora utilmente osservabili nella Penisola Salentina. Si tratta di una formazione religiosa «minore» prevalentemente contadina ma coinvolgente un tempo anche
ceti più elevati, caratterizzata dal simbolismo della taranta che morde e avvelena, e della musica, della danza e dei colori che liberano da questo morso avvelenato. In un senso più ampio la terra del rimorso, cioè la terra del cattivo passato che torna e rigurgita e opprime col suo rigurgito….”.

Comincia così il corposo saggio dell’antropologo e storico delle religioni Ernesto De Martino (Napoli, 1908 – Roma, 1965) “La terra del rimorso. Contributo a una storia religiosa del Sud”, Il Saggiatore, Milano, 1961 che per primo ha studiato e valorizzato nel panorama culturale italiano il fenomeno del tarantismo.

Lo riproponiamo qui di seguito in libera lettura condivisa. Il pdf si carica un po’ lentamente, sono 444 pagine, però poi il testo è completo, chiaro ed esaustivo.

Per chi voglia capire il fenomeno della Taranta, cosa significhi ballare alle note della pizzica, quali contenuti sottenda la musica salentina, non certo quelli effimeri dello spettacolo, del business, del ‘festival di Sanremo’ dell’estate commerciale cui sta pensando il direttore di Rai 2 Carlo Freccero.

Anche solo per convincersi che NON è quel fenomeno di contaminazioni assurde, quel guazzabuglio di trovate spettacolari in cui l’han trasformato.

Per chiunque abbia rispetto per la cultura, per “le radici ca tieni”, come cantano i Sud Sound System: “ma la tradizione nu m’aggiu scerratu

e cu llu dialettu l’aggiu coloratu

ca de la cultura tegnu rispettu…

ca parla te radici cultura e tradizione

le tenimu diverse ma tutte l’imu rispettare”.

Per ancorarci alle nostre radici di Cultura e Tradizione.

http://people.duke.edu/~dainotto/Texts/Demartino.pdf

______

LA RICERCA nel nostro articolo precedente

LA BRILLANTE IDEA DI PORTARE BELEN E DE MARTINO AL CONCERTONE: MASSIMO MANERA RISPONDA, PER FAVORE

Category: Cronaca, Cultura, Eventi, Libri

Lascia un commento

banner ad
banner ad