LA CONFERENZA STAMPA DI QUESTA MATTINA PER LA PRESENTAZIONE DEL NUOVO ALLENATORE GIALLOROSSO. ECCO COSA HANNO DETTO SAVERIO STICCHI DAMIANI, PANTALEO CORVINO ED EUGENIO CORINI. IL SUO LECCE SCENDERA’ IN CAMPO CON UN 4 – 3 -3 + ENTUSIASMO

| 25 Agosto 2020 | 0 Comments

di Mattia Ala______

Oggi è il giorno di Eugenio Corini. Questa mattina, presso il Palazzo Banco di Napoli (nella foto), il Lecce ha presentato il suo nuovo allenatore.

Vediamo insieme la sintesi della conferenza stampa, alla quale hanno preso parte, oltre che il mister bresciano, anche il direttore tecnico Pantaleo Corvino e il presidente giallorosso Saverio Sticchi Damiani.

Proprio il numero uno del club di Via Colonnello Costadura prende la parola inizialmente.

Esonero Liverani: “Dopo il Parma, Liverani, in un incontro, ha ribadito alla società la volontà di restare a Lecce. Idea che poi è stata sposata in pieno anche dal nostro nuovo direttore tecnico Pantaleo Corvino, il quale, in seguito, ha avuto il compito di proporre all’agente dell’allenatore il rinnovo contrattuale, in modo tale da intraprendere totalmente un nuovo progetto tecnico. Rinnovo, che è stato accettato totalmente , poi, da mister Liverani. La scorsa settimana, però, dopo una telefonata col tecnico, ho capito che alcune certezze, che c’erano prima, erano venute meno, e  che Liverani  era mentalmente fuori dal progetto Lecce. Pertanto la società ha deciso di anticipare i tempi e chiudere il rapporto, con grande sorpresa, perché si è andato a rovinare non solo un rapporto professionale, ma un rapporto umano. Comunque auguro a Liverani ogni bene per il futuro”.

Scelta di Corini: “Oggi presentiamo il nostro nuovo allenatore Eugenio Corini, col quale vogliamo aprire un ciclo triennale. Al mister abbiamo voluto trasmettere il il concetto di progettualità, senza lasciarci prendere dall’emotività tipica del calcio. Sono felice della scelta di Corini, persona seria e giusta per cominciare un nuovo ciclo”.

 

In seguito è intervenuto il direttore tecnico Pantaleo Corvino.

Scelta di Corini: “Gli eventi che si sono succeduti nei giorni scorsi mi hanno messo in difficoltà. Non pensavo di trovarmi a pochi giorni dal ritiro senza allenatore. Di solito, prima di scegliere una guida tecnica, tendo sempre a conoscerla più a fondo. Con Corini ho fatto un eccezione, ci ho creduto fin da subito. Mi hanno molto colpito le sue qualità umane e professionali”.

Acquisti di Coda e Listkowski: “Ho scelto Coda perché lo ritengo funzionale al sistema di gioco del mister. Quest’anno abbiamo più volte detto di avere la volontà di patrimonializzare, puntando su talenti giovani, che inizialmente devono avere un costo abbordabile per il Lecce. Non è facile trovare questo tipo di profili in Italia, o nei mercati più importanti. Bisogna quindi guardare a mercati che, magari, sono rimasti più ai margini. Abbiamo scelto Listkowski proprio per questo”.

Big giallorossi: “Nessun club ha richiesto i nostri big. Comunque una cosa deve essere chiara: chi vuole acquistare i nostri giocatori deve farlo solo alle nostre condizioni. Lecce non sarà terra di conquista per nessuno”.

 

Vediamo ora le parole del nuovo mister dei salentini Eugenio Corini:

Scelta del Lecce: “Le parole del presidente e del direttore sono significative. Quando è nata la possibilità del Lecce, squadra che rappresenta un ambiente passionale e caloroso come il Salento, ho accettato subito. Quando sono arrivato ci siamo subito parlati con la società, trovandoci  immediatamente in totale sinergia. Penso che i giallorossi siano la soluzione ideale per me, perché possono darmi la possibilità di lavorare con progettualità e stabilità. Non vedo l’ora di mettermi a disposizione del Lecce”.

Modulo di gioco: “Il sistema con cui lavoreremo sarà il 4-3-3, idea condivisa dal direttore”.

Futuro campionato di B: “Il prossimo campionato di B sarà difficilissimo. Nonostante questo vogliamo recitare un ruolo da protagonista”.

Entusiasmo della piazza: “Ricordo bene il calore della piazza durante Lecce-Brescia. Lecce è un ambiente molto caloroso e passionale. La mia intenzione è trasmettere ai giocatori la stessa voglia dei tifosi. Chi non ha l’entusiasmo mio, della società, e dei tifosi, è fuori dal progetto”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Category: Sport

Lascia un commento