NON SI UCCIDONO COSI’ ANCHE I CINGHIALI?

| 17 ottobre 2020 | 0 Comments

(g.p.)______M5S – Pd. O l’uno, o l’altro, o tutte e due insieme, alleati come sono nel governo nazionale che regge dell’ italica umana gente le magnifiche sorti e progressive.

Poi dice che uno la butta sempre in politica…E dove lo dobbiamo buttare, allora, questo strazio?

C’è un patto preciso tra Comune di Roma, a guida Cinque Stelle, e Regione Lazio, a guida Pd, per la “gestione” dei cinghiali, che escono dal loro habitat naturale, perché gli umani lo hanno invaso e quindi  vanno a nutrirsi dei rifiuti che quelli non riescono a smaltire.

Un patto per ucciderli.

E’ accaduto di nuovo l’altra notte, a Roma, nel Giardino Mario Moderni, in via della Cava Aurelia, dove una mamma e sei cuccioli erano  arrivati e dove erano rinchiusi da due giorni, lontano dalla strada, in attesa di capire che fare.

Molte associazioni ambientaliste si erano mobilitate, per impedire che come da protocollo venissero sterminati e avevano offerto alcune soluzioni alternative, a spese loro di trasferimento e custodia.

 

E niente, l’altra sera c’è stata l’esecuzione, nonostante la presenza attiva di decine di cittadini, che hanno protestato invano e hanno assistito a una scena raccapricciante, a opera della Polizia Provinciale e dei Veterinari dell’Asl.

I primi hanno sparato punture di sonnifero, per permettere ai secondi di iniettare sostanze letali.

Chi c’era, racconta di una scena raccapricciante.

Prima hanno colpito la mamma. I piccoli sono accorsi, andati allora a vedere perché si fosse accasciata a terra, disperandosi quando l’ hanno “sentita” esanime. Allora, hanno sparato anche a loro, tutti intorno.

Poi i veterinari hanno finito lo sporco lavoro, con l”iniezione di veleno per tutti e sette.

Infine, “le carogne”, così vengono appellate nelle scartoffie burocratiche, sono state caricate su di  un furgone della Regione per l’ “eliminazione” dei corpi.

Su internet girano da ‘stamattina foto e video che danno il voltastomaco.

Per leccecronaca.it abbiamo scelto l’immagine meno scabrosa.

Ahimè, Mahatma Gandhi, che insegnavi che grandezza e progresso morale di una Nazione si misurano dal modo in cui tratta gli animali, che te lo dico a fare?

 

Da’ stamattina è polemica, interrogazioni in Parlamento, dichiarazioni infuocate in tutta Italia, scambio di accuse fra le amministrazioni coinvolte, dal momento che nemmeno si capisce chi abbia dato l’ordine di procedere in maniera tanto efferata.

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa tace, ma va bene: dopo la figura tipo quella definita esplicitamente in  video anni fa da Emilio Fede, che egli ha fatto mesi fa con il povero orso M 49, è meglio così.

Il presidente della Regione Lazio, nonché segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti, che chissà come fa a fare tutte e due le cose, in questa ineffabile incetta di massime cariche su cui mai nessuno ha eccepito, tace anch’egli, ma va bene, tanto il peso di quel che dice in entrambe le vesti è sempre pressoché uguale a zero.

 

Il sindaco di Roma Virginia Raggi invece ha preannunciato sull’accaduto l’istituzione di una commissione di inchiesta.

Già, infatti, in Italia quando si vuole nascondere la verità e insabbiare un caso, si fa appunto una commissione di inchiesta.

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento