SGOMINATA ORGANIZZAZIONE CRIMINALE CHE GESTIVA LO SPACCIO DI DROGA IN ALCUNI COMUNI VICINO TARANTO

| 7 ottobre 2021 | 0 Comments

(e.l.)_____A conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Taranto, cominciate tre anni fa, all’alba di questa mattina è scattata una vasta operazione antidroga che ha sgominato una banda di sedici persone ritenute responsabili a vario titolo di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, e di detenzione a porto abusivo di armi da sparo, nel capoluogo ionico e nei comuni vicini di Massafra, Palagiano, Palagianello e Statte.

Eseguite dai Carabinieri del Comando Compagnia di Taranto, con l’ausilio di due unità cinofile e di un elicottero, tredici provvedimenti di custodia cautelare in carcere, e tre ai domiciliari (gli ultimi del seguente elenco), nei confronti di Cristian Gatti, 27 anni, di Massafra, con precedenti; Pasquale Carelli, 33 anni, di Massafra, con precedenti; Francesco Martucci, 33 anni, di Massafra, con precedenti; Marco Vinci, 21 anni, di Massafra; Tito Meli, 22 anni, di Massafra, con precedenti e già ai domiciliari; Piero Parisi, 22 anni, di Massafra, con precedente e già in carcere; Vito Silvestri, 51 anni, di Massafra, con precedenti e già in carcere; Gianfranco Recchia, 26 anni, di Massafra, con precedenti e già in carcere; Francesco Presta, 25 anni, di Massafra; Massimo Pellegrini, 46 anni, di Taranto; Cataldo Sebastio, 45 anni, di Taranto, con precedenti e già in carcere; Giuseppe Imparato, 41 anni, di Statte; Francesco Scarnera, 26 anni, di Taranto, con precedenti e già in carcere; Cosimo Caldaralo, 51 anni, di Massafra; Angelo Carpignano, 29 anni di Palagianello, con precedenti e già in carcere; Mario Infante, 35 anni, di Palagiano.

Secondo gli inquirenti, a capo dell’organizzazione c’era Tito Meli, “che avvalendosi di una fitta rete di fidati pushers, si approvvigionava di droga nella città di Taranto per poi rivenderla al dettaglio nei Comuni di Massafra, Palagiano, Palagianello e Statte, riscuotendo dalla vendita lucrosi guadagni”.

Category: Cronaca

Lascia un commento