LE STORIE A LIETO FINE DI GIOVANNI D’AGOSTINO

| 2 Giugno 2022 | 0 Comments

di Raffaele Polo _____

Torna ad affascinarci con i suoi toni il bravo Giovanni D’Agostino (a destra nella foto): stavolta, però, messa da parte la musica (ma solo per un attimo) ecco questo ‘3 storie a lieto fine’ (Edizioni Esperidi, pagine 215, 18 euro) con una considerazione riassuntiva in ultima di copertina che recita: “Già il titolo è rassicurante. C’è proprio un gran bisogno di storie a lieto fine”.

 

E, in effetti, sono pubblicati tre racconti (Paradiso virtuale, Angelino e Il segreto di Alex) con prefazione del dottor Salvatore Sisinni, che ama definirsi Medico della mente (per mestiere) Artigiano della penna (per puro diletto), qui nella insolita veste di presentatore di opere altrui.

D’Agostino privilegia, questa volta, la fantasia, lasciandola correre a briglia sciolta e confermando, com’è naturale, il suo amore per la musica, soprattutto per le opere del pieno Romanticismo e riprendendo nelle sue narrazioni temi ed atmosfere comuni ai libretti d’opera che lo stesso D’Agostino produce, con evidente nostalgia per i librettisti dell’Ottocento…

I temi più congeniali all’autore sono perciò il desiderio di riscatto, la ricerca del coraggio, la incredibile forza dell’Amore che è sempre al centro delle vicende umane e finisce ogni volta per affascinarci con le sue innumerevoli sfaccettature.

 

Giovanni D’Agostino si riconferma autore di ottimo livello, riesce a coinvolgere con il suo procedere narrativo e ottiene un risultato comune alle sue composizioni musicali: ci fa commuovere e intenerire, riesce a calarsi nelle profondità dell’animo e a smuovere quella indifferenza che caratterizza la nostra quotidianità, con eventi ed episodi di colore grigio e di scarsa consistenza.

 

Un ‘romantico’ d’altri tempi, potrebbe sintetizzare qualcuno, magari con una velata espressione di compatimento. Ebbene no, anche in questo ‘3 storie a lieto fine’ apprezziamo lo scrittore, il musicista che ci fa amare le piccole, grandi cose che troppo presto abbiamo scordato dentro il nostro cuore.

 

 

Category: Cultura, Libri

Lascia un commento