I ‘CAMBIAMENTI’ DEL SINDACO FILONI

| 10 Luglio 2022 | 0 Comments

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Crocifisso Aloisi (nella foto), per conto dell’associazione Cambiamenti,  ci manda il seguente comunicato sulla situazione politica di Galatone dopo le recenti elezioni amministrative ______

Sentiamo l’esigenza di chiarire alla cittadinanza il motivo per cui la lista civica CambiaMenti – che ha conseguito un risultato determinante per la vittoria al primo turno di Flavio Filoni aumentando del 34% i consensi – sia stata esclusa dall’esecutivo.

Ebbene – subito dopo la proclamazione del Sindaco – si sono tenuti vari incontri con quest’ultimo :

1)      Nel primo incontro è stata esposta la posizione dell’associazione che, in conformità all’accordo politico sottoscritto il 17 gennaio, ha indicato quale nominando assessore Maurizio Pinca quale soggetto più votato della lista e rappresentativo dell’associazione;

2)      Alla successiva riunione abbiamo precisato che, conformemente all’accordo, ogni forza fornisse più nominativi nel rispetto della parità di genere. Il Sindaco ha rifiutato tale proposta ed ha ribadito che CambiaMenti doveva accettare la Presidenza del Consiglio e non avere posti di governo. L’associazione ha ribadito che ciò violava il patto sottoscritto e che il problema della parità di genere non era solo di CambiaMenti, ma era di tutti. Abbiamo financo tentato una mediazione politica proponendo che la forza che sacrificasse il candidato più rappresentativo nominando in giunta la seconda donna avesse anche la Presidenza del Consiglio, ma anche tale proposta è stata rifiutata;

3)      Da ultimo domenica 26 giugno alle ore 10.00 l’associazione ha comunicato al Sindaco che in adempimento all’accordo firmato forniva il nominativo di Maurizio Pinca ed otto nominativi di donna coincidenti con quelli della nostra lista.

Il resto è cronaca. Il sindaco ha nominato il secondo assessore donna dal PD ed ha estromesso dalla giunta CambiaMenti.

In realtà la scelta sindacale sembra improntata a risolvere i problemi interni al PD cittadino, sacrificando la nostra associazione.

Tutto ciò va contro il patto sottoscritto, di seguito evidenziato, ma è contrario anche ai temi offerti ai cittadini elettori ovvero al concetto di continuità e di squadra. Tali affermazioni elettorali dovevano condurre alla continuità non solo del Sindaco, ma anche dell’esecutivo ovvero della tanto decantata squadra.

Le scelte del Sindaco sono state diverse con una grave violazione degli accordi elettorali, ma in tutto ciò CambiaMenti nell’assemblea dello scorso 29 giugno non ha mai messo in discussione la politica unitaria che – con tutti i sacrifici e le rinunce di questi cinque anni – continua ad essere il faro dell’associazione.

L’assemblea ha deliberato che l’associazione continuerà a fare politica unitaria delle forze sane e progressiste della città con il consigliere comunale eletto per costruire veramente insieme una comunità migliore, senza accettare incarichi diversi da quanto pattuito ovvero compensativi e riparatori della violazione.

 

La nostra è una alleanza strategica che ci ha consentito in questi cinque anni di valorizzare la nostra diversità facendoci apprezzare dalla gente per il risanamento del bilancio che è stato l’unico tema indiscusso della campagna elettorale; essere esclusi dal governo vuol dire impedire alla forza che ha avuto maggiore capacità propulsiva (87% delle delibere di CC) di esprimere le proprie potenzialità.

A questo punto riteniamo che non rimanga che prendere atto della violazione del patto che è violazione principalmente del PLURALISMO DEMOCRATICO che significa che tutte le voci presenti nella maggioranza consiliare devono partecipare al Governo della città ed attenerci a ciò che la gente ci ha consegnato ovvero la nostra presenza in consiglio, da cui continuare la battaglia per il progresso e il benessere della nostra comunità.

E ciò perché nel progetto costruiamo insieme e continuiamo insieme noi ci abbiamo creduto e ci crediamo ancora, così come in quel futuro certo che abbiamo costruito e di cui abbiamo coniato anche l’acronimo.

Galatone, li 08.07.2022

Associazione Cambiamenti

IL DIRETTIVO

Category: Cronaca, Politica, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento