SI E’ CONCLUSO A LECCE L’IMPORTANTE CONVEGNO INTERNAZIONALE SU DIVERSITA’, INCLUSIONE E INTEGRAZIONE SOCIALE

| 4 Dicembre 2022 | 0 Comments

ORGANIZZATO DAL CENTRO STUDI KOINE’ EUROPE. leccecronaca.it LO HA SEGUITO INSIEME AL PRESIDENTE NICOLETA APOPEI, DI CUI ABBIAMO RACCOLTO LE PRIME IMPRESSIONI

di Carmen Leo _______ “Quest’anno la Convention da noi organizzata per la seconda edizione si  arricchisce di una importantissima novità, l’attivazione di una raccolta fondi con libero contributo, da versare tramite IBAN o direttamente in un salvadanaio messo a disposizione durante l’evento, proprio qui nella sala conferenze del Grand Hotel Tiziano.

I proventi saranno utilizzati per contribuire all’acquisto di un cane guida da donare ai non vedenti.

L’iniziativa è supportata dal Lions Club Lecce Messapia, di cui da circa un anno mi onoro di essere socia.

Con una totalitaria visione del fare beneficenza, ormai divenuta una mission di Koinè Europe, anche quest’anno desideriamo invitare il territorio ad una partecipazione attiva e presente, perché solo dal bene può nascere altro bene.

Desidero ringraziare di cuore tutto lo staff operativo di Koinè per il supporto fattivo alla realizzazione di questo nostro importante progetto”.

Così Nicoleta Apopei (nella foto di copertina), presidente del Centro Koinè Europe dichiara in un’intervista esclusiva a leccecronaca.it, che segue sempre da vicino e con grande interesse le iniziative promosse dal centro di alta formazione con sedi a Lecce e Melendugno, al termine della seconda edizione del Convegno Internazionale intitolato Intercultural Diversity in the 21st Century: Social Inclusion and Integration (Diverstità Interculturale nel 21° secolo: Inclusione e Integrazione Sociale – ndr), tenutosi in due giornate: il 2 dicembre in modalità online e per buona parte della giornata di sabato 3, dalle ore 9.30 alle 19.00, presso la Sala Bellini del Grand Hotel Tiziano a Lecce.

Koinè Europe è  diventato una vera eccellenza nel campo della formazione ad ampio spettro, grazie al tenace impegno della dottoressa Apopei e dell’intero staff amministrativo e docente, che lo hanno reso un “Ente accreditato ISO 9001: 2015 Quality Management System” che da anni collabora con varie Istituzioni a livello nazionale e internazionale, con la sola finalità di proporre all’utenza un’offerta formativa continua e quanto più variegata possibile, che abbraccia le branche delle discipline afferenti i corsi di laurea di I e II livello in Psicologia, Lettere, Economia, Ingegneria, Giurisprudenza, nonché master, certificazioni e abilitazioni per docenti, da conseguire tanto in Italia quanto all’estero, grazie alla collaborazione avviata da tempo  con i prestigiosi atenei e-Campus, Sorbonne Universitè, e Titu Maiorescu di Bucarest.

“Ritornare per la seconda volta a Lecce, per partecipare a questo prestigioso evento costituisce per me motivo di grande soddisfazione, onoratissima di essere stata invitata.

 Ringrazio e porto i saluti a tutta la comunità presente da parte della Presidente della Provincia di Cosenza, Rosaria Succurro.

 Il convegno pone l’accento sull’importante tema della Diversità, non a caso è stato organizzato proprio oggi nella Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, attraverso uno scambio di ampio respiro tra tutte le personalità del mondo della Cultura internazionale che abbiamo avuto il piacere di ascoltare.

È un evento molto singolare e inclusivo, in quanto ha dato voce alle diverse associazioni che si spendono sul territorio nazionale, ma anche  a livello regionale e provinciale, per perorare le cause e difendere i diritti dei soggetti fragili.

Mi auguro che Koinè, grazie alla grande passione della dottoressa Apopei, possa continuare a promuovere queste iniziative, cercando di allargare i propri confini facendo rete con un sempre maggior numero di associazioni, creando una vera e propria filiera istituzionale che possa implementare in tutte le regioni del nostro Paese simili opportunità di confronto culturale e impegno nel sociale”.

Questo quanto ha a noi dichiarato Pina Sturino ( nella foto sopra), Consigliera alle Pari Opportunità della Provincia di Cosenza, che ha presenziato in qualità di relatrice con un breve quanto incisivo intervento intitolato “Educando alla differenza, la diversità diventa ricchezza”.

La Convention si è aperta con i saluti di Nicoleta Apopei, ai quali sono seguiti quelli di Maria Belviso, presidente del Lions Club Lecce Messapia e di Massimiliano Greco, presidente del Leo Club Lecce Messapia.

La seconda giornata in presenza, quella di sabato 3 dicembre, ha visto gli interventi istituzionali in primis di Mihnea Claudiu Drumea (primo da destra nella foto sotto con Nicoleta e lo staff femminile di Koinè), consigliere questo del Primo Ministro della Romania, Nicolae Ciuca, nonché vice rettore della Spiru Haret University.

Per la rappresentanza regionale e provinciale: Sebastiano Leo, assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro,  Alessandro Delli Noci, assessore allo Sviluppo Economico,  Loredana Capone, presidente del Consiglio Regionale, tutti e tre per la Regione Puglia; Stefano Minerva, presidente della Provincia di Lecce.

 Mons. Michele Seccia, arcivescovo di Lecce, i sindaci di alcuni comuni salentini, docenti e ricercatori di università ed enti italiani e internazionali, presidenti di associazioni culturali, membri dei governi di varie nazioni, tra le altre illustri presenze.

Troppo complesso risulterebbe citarle tutte, ma i nostri lettori potranno rintracciarne i nomi nel nostro articolo di presentazione richiamato in fondo a questo.

Di scottante attualità ed emergenza sociale l’inciso dell’avvocato Antonio Bruno (nella foto sopra) di Bari, presidente di Konsumer Puglia, il ramo regionale dell’omonima associazione nazionale a tutela dei consumatori e dell’ambiente, di promozione sociale senza fini di lucro, il quale ha relazionato riguardo al progetto Io non dipendo, Io scelgo, promosso da HBG Gaming e realizzato dalla stessa Konsumer Italia con la collaborazione attiva dell’associazione di psicologi Le Metamorfosi, il quale progetto vuole essere una sorta di sportello di continuo ascolto a supporto di chi vuole uscire da una dipendenza, prevenirla oppure limitare i danni derivanti da essa di un proprio familiare o amico, con il fine ultimo di aiutare il soggetto fragile ad uscirne.

“È importante ed essenziale accettare la disabilità come parte integrante dell’identità della persona. Ciò significa non ridurre la persona diversamente abile alla mera personificazione del suo handicap, ma nemmeno negarlo o minimizzarlo. La giusta soluzione sta nel considerare i limiti e trasformarli in potenzialità. 

La giustapposizione dei due argomenti, sessualità e disabilità, è ancora considerata un taboo per la maggior arte della popolazione, per la semplice ragione che, poiché la sessualità e strettamente associata alla dimensione corporea, dilaga ancora l’erronea concezione che una persona con problemi fisici sarebbe  incapace di godere pienamente di esperienze legate alla sfera intima”.

Delicato, e al contempo appassionato, l’intervento intitolato Le affinità dei disabili”  esposto da Denise Gabrieli (nella foto sopra), parte integrante dello staff del Centro Koinè Europe, la quale ha sottolineato la differenza tra una disabilità fisica grave ed una di più modesta entità nell’approccio alla sessualità, che appare diverso a  seconda che la disabilità sia di tipo fisico, cognitivo o sensoriale e, ovviamente, in relazione al genere e all’età del soggetto, nonché al contesto sociale di appartenenza.

I vari interventi degli insigni nomi del panorama culturale mondiale sono stati inframmezzati da originali intermezzi musicali, tra il coffe break, il pranzo e la cena, offerti agli ospiti dagli organizzatori nelle accoglienti sale del Grand Hotel Tiziano.

A moderare le diverse interlocuzioni nella giornata di sabato sono stati: Raffaele Mele (nella foto sopra), bancario e coordinatore dei Lions Club International Salento – Messapia; Loredana Perrone (a sinistra nella foto sotto) e Valeria Saracino (a destra nella foto sotto) entrambe docenti di Koinè.

“Oggi, a livello globale, la questione della disabilità richiede un grande impegno da parte dei legislatori per tutelare i diritti dei più fragili. Di importanza rilevante è la formazione di personale preposto, a cui è richiesto di essere sempre più impegnato e professionale. Il numero chiuso relativo al percorso TFA (Tirocinio formativo Attivo – ndr) non soddisfa tutte le esigenze del nostro paese, costringendo molti insegnanti ad espatriare oltre confine e sbarcare nei territori europei per formarsi e rendersi idonei alla professione. Un tale meccanismo comporta spese sostanziali e notevoli difficoltà al momento della validazione del titolo acquisito all’estero da parte del Ministero italiano dell’Istruzione”.

A relazionare, con il titolo di “Integrazione e Inclusione: Verso Nuovi Orizzonti Educativi” è, stavolta, Michele Bonetti (nella foto sotto), avvocato del Foro di Roma, che già da tempo collabora con il Centro Studi Koinè, fornendo il supporto legale e la sua esperienza a quanti richiedono di formarsi attraverso i servizi offerti dallo stesso Ente.

Un’organizzazione, quella di questa seconda Convention, che definire impeccabile sarebbe sminuire di gran lunga ciò che è apparso ai nostri occhi come un evento curato in ogni sua minima parte, nella quale abbiamo riconosciuto il tocco raffinato, l’eleganza nei modi, il garbo nell’Essere più che nell’Apparire, di una Donna, Nicoleta Apopei, che ha votato la sua vita a promuovere la Cultura, nella più ampia e variegata accezione che il termine possa indicare, in una terra a Lei straniera, il nostro amato Salento, molto lontana dalla sua madre patria, la Romania, ma con la quale ha voluto e saputo costruire un lungo e solido ponte, fatto non soltanto di radici anagrafiche, ma anche e soprattutto di mattoni di eccellenze associati alle partnership con gli Enti di formazione di maggiore risonanza a livello mondiale.  

Ad Altiora Semper, Koinè Europe!

LA RICERCA nel nostro articolo del 1. dicembre scorso

SABATO 3 DICEMBRE A LECCE PRESSO L’HOTEL TIZIANO IL CONVEGNO INTERNAZIONALE DEL CENTRO STUDI KOINE’ “INTERCULTURAL DIVERSITY IN THE 21 CENTURY”

Category: Costume e società, Cronaca, Cultura, Eventi

Lascia un commento