ALTRO CHE ‘CENE ELEGANTI’, PER I PRIMI BUNGA BUNGA ROMANI DI SILVIO, L’ IMPRENDITORE BARESE GIAMPAOLO TARANTINI PRENDE 7 ANNI E 10 MESI PER INDUZIONE, FAVOREGGIAMENTO E SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE. 1 ANNO E 4 MESI ALLA BEGAN

| 13 novembre 2015 | 0 Comments

(Rdl)______Dopo più di un anno di udienze, è arrivata la sentenza del processo sulle ventisei giovani donne ed escort portate dall’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini (nella foto) nella residenza romana dell’allora premier Silvio Berlusconi tra il 2008 e il 2009, perché si prostituissero: sperava così di essere aiutato a fare affari ed entrare ancor di più nelle grazie del capo del governo e leader di Forza Italia, non imputato in questo processo, in quanto semplice “utilizzatore finale”, come ebbe a definirlo a suo tempo nella fattispecie il suo avvocato ed onorevole Niccolò Ghedini.  Però a margine della sentenza, il tribunale di Bari ha trasmesso gli atti alla procura della Repubblica perché valuti nein suoi confronti il reato di intralcio alla giustizia.

Lo scandalo esplose con le dichiarazioni di Patrizia D’Addario che, in lacrime, ha seguito anche l’ultima udienza d processo..

Dopo cinque ore di camera di consiglio, Il tribunale di Bari ha condannato a 7 anni e 10 mesi Giampaolo Tarantini (l’ accusa ne aveva chiesti otto).

La pena di un anno e 4 mesi è stata inflitta a Sabina Beganovic (in arte Began), l’Ape regina dei party berlusconiani. I giudici hanno condannato Massimiliano Verdoscia (3 anni e sei mesi) e Pierluigi Faraone (due anni e sei mesi). Assolti invece Letizia Filippi, Francesca Lana e Claudio Tarantini. Il tribunale non ha riconosciuto l’esistenza dell’associazione a delinquere. I giudici hanno anche respinto le richieste di risarcimento danni delle parti civili, tra cui Patrizia D’Addario.

 

 

(Rdl)______

Dopo due anni di udienze, è arrivata la sentenza del processo sulle ventisei giovani donne ed escort portate dall’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini nella residenza romana dell’allora premier Silvio Berlusconi tra il 2008 e il 2009.

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento