TRE EPISODI DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE, E TUTTE LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA NERA DELLE ULTIME ORE

| 30 Aprile 2018 | 0 Comments

(v.c.)______

Tricase. Prima ha picchiato la moglie, per futili motivi, con violenza. Poi, con la forza, ha impedito al figlio, che voleva farla visitare e curare, di portarla in ospedale. Ma in quel momento sono arrivati i Carabiniri, che lo hanno arrestato con le accuse di maltrattamenti in famiglia. Si tratta di un cittadino marocchino di 45 anni, arestato e rinchiuso nel carcere di Borgo San Nicola.

 

 

Un uomo di 73 anni di Cavallino è stato invece denunciato a piede libero questa mattina per atti persecutori nei confronti di una donna di 52 anni, che, dopo la fine del loro rapporto, ha minacciato e aggredito, sia psicologicamente, sia fisicamente.

Sempre questa mattina, sempre a Cavallino, ma al rione Castromediano, infine, c’è stato l’ arresto di un 44enne di Lecce, che si trova ora ai domiciliari. Già colpito da un precedente provvedimento che gli faceva divieto di avvicanrsi alla ex moglie, l’ uomo era andato a tirare bottiglie di vetro contro le finestre di casa della donna.

 

Giovedì scorso, come raccontammo poche ore dopo,  ci fu una sparatoria per strada, fra la gente, a Copertino. Verso le 8, nei pressi del supermercato di via Vittorio Emanuele, uno sconosciuto sparò contro giovane, fra lo sgomento dei presenti, per poi dileguarsi rapidamente. Alessio Franco, 28 anni,  rimase a terra, raggiunto dai proiettili in più punti. Portato in ospedale, fortunatamente le sue condizioni non erano gravi: fu curato e dimesso. La vittima era con la fidanzata, stavano entrambi andando a lavorare.

I Carabinieri iniziarono subito le indagini seguendo una psta precisa.

Ieri sera il presunto responsabile del ferimento si è costituito, presentandosi in caserma, accompagnato dal suo legale. Si tratta di Marco Cordella, 43 anni, residente in paese, pregiudicato. E’ il padre della fidanzata di Alessio Franco. Si trova ora in carcere, accusato di tentato omicidio.

 

Scorrano. Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi, ricettazione, sono le accuse per cui ieri sera è stato arrestato Matteo Rizzo, 21 anni, trovato in possesso di un fucile da caccia risultato rubato, quatro mazze ferrate, un grammo di marijuana, uno spiennlo, un bilanciono elettronico di precisione. Si trova ora in carcere.

Già era nei guai, per essere stato trovato questa notte alla guida nei pressi di Otranto ubriaco. Ma un giovane di 39 anni di Poggiardo ha pensato bene allora di insultare i militari che lo avevano fermato. Così, oltre alle multe e alla prima, ha ‘guadagnato’ anche una seconda denuncia, per oltraggio a pubblico ufficiale.

 

Brindisi. Sono state trovate, in casa di un parente, ieri sera, le due minorenni che si erano allontanate due giorni prima da un centro di accoglienza regionale, a opera degli agenti delle Volanti, che le hanno accompagnate in una comunità, affidandole ad un’ educatrice.

Brindisi. A zig zag, sulla strada tra San Vito dei Normanni, e Mesagne. Alla guida dell’ auto che sbandava a più riprese, un’ anziana. Un giovane automobilista di passaggio, aiutato telefonicamente dagli operatori del 113, ai quali si era rivolto per segnalare la pericolosa situazione, è riuscito a bloccare il traffico, e a fermarla, prima che fosse troppo tardi. Lei ha ammesso di sentirsi male, e di voler andare in ospedale, da sola, come ha rassicurato di poter fare. Ma poco dopo sono arrivati i sanitari del 118, per accompagnarla, e gli agenti della stradale, per risolvere il problema di viabilità..

 

 

 

 

 

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento