banner ad

BREVI DI NERA

| 23 febbraio 2019 | 0 Comments

(e.l.)______Chiuso questa mattina per quindici giorni, su ordine del Questore, il bar di Scorrano di piazza Vittorio Emanuele II (nella foto), teatro la notte di Capodanno di una violenta rissa per cui ci furono otto persone denunciate, e a cui parteciparono, come accertato in seguito, nuerosi pregiudicati.

 

Identificato l’autore della truffa patita lo scorso mese di luglio da un’anziana di Corigliano d’Otranto di 91 anni, alla quale con un espediente furono portati via 350 euro: è un uomo di Napoli di 58 anni, denunciato a piede libero.

 

Ritrovato uno smartphone rubato questa estate ad un uomo di 50 anni di Melendugno: veniva usato da un giovane immigrato di 28 anni, originario del Senegal,  con precedenti, denunciato a piede libero per ricettazione.

 

Ritrovato uno smartphone rubato questa estate a Brindisi: era in casa di un giovane di 17 anni di Squinzano, con prcedenti, denunciato a piede libero per ricettazione.

 

Arrestato e portato in carcere un giovane di Cavallino di 32 anni, Alessio Iasella, in seguito ad una condanna riportata per un furto commesso due anni e mezzo fa.

 

Arrestato e portato in carcere un giovane di Trepuzzi di 28 anni, Morris Mattia Ciriolo, in seguito ad una condonna a quattro anni e otto mesi riportata per una rapina  commssa un anno e mezzo fa.

 

E’ finito in carcere questa mattina il giovane senegalese di 26 anni che quattro giorni fa aveva aggredito le due poliziotte in servizio presso lo sportello della Divisione Immigrazione della Questura di Lecce, dove era andato a chiedere informazionisul proprio permesso di soggiorno.

 

Coinvolto in un incidente stradale avvenuto quattro giorni fa a Galatina, e risultato nei successivi accrtamenti irregolare sul territorio, questa mattina un giovane albanese di 26 anni è stato espulso e rimpatriato con il traghetto per Valona in partenza da Brindisi.

 

Denunciato a piede libero, con conseguente sequestro dll’intera area,  il titolare dell’impresa che aveva in gestione la depositeria giudiziaria di auto e motorini di Lecce, in stato di abbandono e degrado e in cui, inoltre, erano stati portati in maniera illecita rifiuti anche pericolosi.

 

Lei è finita in ospedale, con ferite multiple da pugni e calci. Lui, un uomo di 65 anni, in carcere, arrestato dagli agenti della Polizia di Stato di Galatina, intervenuti questa notte al domicilio della coppia, dopo la richiesta di aiuto da parte della donna.

Category: Cronaca

Lascia un commento

banner ad
banner ad