FIAMME E FUMO NELLA ZONA OSPEDALE, TANTA PAURA

| 26 luglio 2021 | 1 Comment

(Rdl)______Non c’è pace, non c’è requie, ormai gli incendi nel Salento sono diventati un’emergenza quotidiana. Oggi sono arrivati alle porte di Lecce città. Un rogo spaventoso, a vedere pur da lontano il fumo e si vedeva da ogni parte, per quanto era alto (nella foto), è scoppiato nel primo pomeriggio, fra le 13 e le 14, nel boschetto e la macchia mediterranea fra San Cesario e Lequile, minacciando alcune abitazioni private, i grossi insediamenti commerciali presenti in zona e, soprattutto, l’ospedale civile Vito Fazzi.

Il traffico nel tratto finale della Lecce-Gallipoli e nel tratto adiacente della tangenziale è rimasto bloccato per circa un’ora, fra paura e incredulità degli automobilisti in transito, per poi riprendere piano piano con regolarità col passare dei minuti.

Massiccio l’interventi di uomini e mezzi dei Vigili del Fuoco, che sono riusciti a scongiurare il peggio e gradualmente a mettere sotto controllo la situazione, tornata in sicurezza verso le 17. ______

L’APPROFONDIMENTO nel nostro articolo del 22 luglio scorso

L’EMERGENZA INCENDI NEL SALENTO NON FINISCE MAI

 

 

Category: Cronaca

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni D'Agata, Sportello dei Diritti - tramite mail ha detto:

    Incuria e degrado nella periferia a Lecce. L’inferno alle spalle dell’ospedale “Vito Fazzi”, del nuovo “DEA” e del Polo Oncologico “Giovanni Paolo II” che poteva causare il peggio.

    Se ne sta parlando in queste ore, dopo che un incendio divampato ai alle spalle dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, del nuovo “DEA” e del Polo Oncologico “Giovanni Paolo II” a Lecce, ha messo ko anche la Statale Lecce-Gallipoli in entrambe le direzioni e isolato la Tangenziale cittadina, dove il traffico è rimasto paralizzato ed è impossibile procedere a causa del fumo e del pericolo. Le fiamme hanno distrutto rapidamente e con un vastissimo fronte di fuoco tutto il verde incontaminato tra Lecce, San Cesario di Lecce e Lequile, in mezzo a queste tre realtà cittadine, alle spalle come detto del polo ospedaliero che serve la città.
    Anche recarsi in ospedale, è stato del tutto impossibile costringendo i mezzi di soccorso a riversare eventuali emergenze in altri ospedali a Nord di Lecce, anche perchè tutti gli ospedali a Sud del capoluogo sono rimasti tagliati fuori dall’incendio in corso. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione che da anni denuncia anche il degrado e l’abbandono delle periferie del capoluogo salentino si tratta dell’ennesima dimostrazione dello scempio, della trascuratezza e la mancanza di prevedibilità da parte deli enti preposti dovuta alle alte temperature di questi giorni.

    Per tali ragioni, non possiamo che rivolgere un vero e proprio monito verso le amministrazioni responsabili perchè se dovesse accadere una qualsiasi conseguenza negativa sulle persone causa dell’incuria e del disinteresse che viene quotidianamente dimostrato, uniche responsabili dovranno ritenersi esse stesse.

Lascia un commento